Metamorphosis (Hilary Duff)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metamorphosis
Artista Hilary Duff
Tipo album Studio
Pubblicazione 26 agosto 2003 Stati Uniti Canada
21 settembre 2003 Australia Giappone
23 ottobre 2003 Italia
3 novembre 2003 Regno Unito
Durata 43:35
Dischi 1
Tracce 13
Genere Pop
Etichetta Buena Vista Music Group
Hollywood Records
Produttore Meredith Brooks, Charlie Midnight, Chico Bennett, Kara DioGuardi, Matthew Gerrard, Jay Landers, Jim Marr, The Matrix, Pettus & Swersky, Wendy Page, Andre Recke, John Shanks, Denny Weston Jr.
Registrazione Primavera/estate 2003
Hilary Duff - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2004)
Singoli
  1. So Yesterday
    Pubblicato: 29 luglio 2003
  2. Come Clean
    Pubblicato: 9 gennaio 2004
  3. Little Voice
    Pubblicato: 8 maggio 2004

Metamorphosis è il primo album di Hilary Duff, pubblicato negli Stati Uniti e in Canada nell'agosto 2003, in Australia nel settembre 2003 e nel Regno Unito e Giappone nel novembre 2003. Al disco collaborarò The Matrix (che scrisse tre canzoni: So Yesterday, Where Did I Go Right e The Math), la sorella di Hilary, Haylie Duff (che scrisse Sweet Sixteen e Inner Strenght) e la famosa cantautrice Kara DioGuardi (che scrisse Come Clean e Little Voice. Metamorphosis raggiunse la prima posizione nelle classifiche americane e canadesi.

So Yesterday fu il primo singolo dell'album ed ebbe un successo mondiale, conquistando il disco di platino negli Stati Uniti e in numerosi altri paesi come Canada, Australia e Giappone.

Il secondo singolo Come Clean raddoppiò il successo del precedente e conquistò anche la radio diventando una nuova hit. Il video fu diretto da Dave Meyers e fu trasmesso con grande intensità su MTV e Much Music. Il singolo venne dichiarato disco d'oro nel 2004.

Il terzo singolo, Little Voice, venne pubblicato solo in Australia e raggiunse la locale top 40 nel maggio 2004 e venne dichiarato "inno pop dell'anno": il video consisteva in alcuni pezzi tratti dal DVD Girl Can Rock che testimoniano le esibizioni del Metamorphosis Tour del 2003-2004.

L'album Metamorphosis fu nominato al Juno Awards 2004 come "Album internazionale dell'anno", ma non riuscì a vincere.

In Italia uscì il 23 ottobre 2003, preceduto dal singolo So Yesterday, mentre gli altri singoli non vennero pubblicati nel paese.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Bob Cavallo ha detto che si aspettava che l'album vendesse "qualche milione di copie se la polvere di fata vola nel modo giusto".[1] Stephen Thomas Erlewine del sito Allmusic ha scritto a proposito del disco che "è come dovrebbe essere il teen pop nel 2003... un carino disco bubblegum pop molto moderno"; ha ribattuto anche che è influenzato da Avril Lavigne ma che Hilary Duff "ha una voce più dolce, suadente di quella di Avril e il resto del disco segue il suo temperamento cordiale, che deriva in un ascolto deliziosamente effervescente".[2] Invece, la rivista Slant Magazine ha dichiarato che la Duff "ha deciso di cavalcare l'onda di Avril", e ha osservato che, come aveva fatto Avril Lavigne, anche Hilary Duff ha arruolato i The Matrix per produrre e scrivere alcuni dei suoi brani.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. So Yesterday – 3:35 (Lauren Christy, Scott Spock, Graham Edwards, Charlie Midnight)
  2. Come Clean – 3:34 (Kara DioGuardi, John Shanks)
  3. Workin' It Out – 3:16 (Charlie Midnight, Charlton Pettus, Marc Swersky)
  4. Little Voice – 3:03 (Kara DioGuardi, Patrik Berger)
  5. Where Did I Go Right? – 3:51 (Lauren Christy, Scott Spock, Graham Edwardss, Charlie Midnight)
  6. Anywhere but Here – 3:32 (Jim Marr, Wendy Page, Chico Bennett)
  7. The Math – 3:19 (Lauren Christy, Scott Spock, Graham Edwards, Charlie Midnight)
  8. Love Just Is – 4:02 (Jim Marr, Wendy Page, Charlie Midnight)
  9. Sweet Sixteen – 3:09 (Haylie Duff, Toran Caudell)
  10. Party Up – 3:51 (Meredith Brooks, Taylor Rhodes, A. George)
  11. Metamorphosis – 3:29 (Hilary Duff, Charlie Midnight, Bennett, Andre Recke)
  12. Inner Strength – 1:34 (Haylie Duff)
  13. Why Not – 3:01 (Charlie Midnight, Matthew Gerrard)
Tracce aggiuntive per il Regno Unito
  1. Girl Can Rock – 3:05 (Charlie Midnight, Denny Weston Jr.)
Tracce aggiuntive per il Giappone
  1. A Day In The Sun – 3:25 (Matthew Gerrard, Charlie Midnight)
  2. Girl Can Rock – 3:05 (Charlie Midnight, Denny Weston Jr.)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff ha estratto dall'album 3 singoli ufficiali, 5 per la Disney, uno per la colonna sonora del film A Cinderella Story e uno per il film Lizzie McGuire: Da liceale a popstar.

Singoli ufficiali

Singoli per Radio Disney

  • Girl Can Rock (2003)
  • The Math (2003)
  • Metamorphosis (2003)
  • Party Up (2003)
  • Sweet Sixteen (2003)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione[4]
  • Chico Bennett - Producer
  • Meredith Brooks - Producer
  • Rob Chiarelli - Mixing
  • Savina Ciaramella - A&R
  • Kara DioGuardi - Producer
  • Martin Häusler - Art Direction, Design
  • Jay Landers - Executive Producer
  • Stephen Marcussen - Mastering
  • Dani Markman - A&R
  • Jim Marr - Producer
  • The Matrix - Arranger, Producer, Engineer, Mixing
  • Charlie Midnight - Producer
  • Keith Munyan - Photography
  • Sheryl Nields - Photography
  • Wendy Page - Producer
  • Andre Recke - Executive Producer
  • Jeff Rothschild - Engineer
  • John Shanks - Producer
  • Joel Soyffer - Mixing
  • Steve Sterling - Layout Design
  • Denny Weston, Jr. - Producer

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
massima
Australia 19
Belgio (Fiandre)[5] 20
Belgio (Vallonia)[5] 11
Canada 1
Francia 22
Giappone 10
Irlanda[6] 41
Messico 9
Nuova Zelanda[7] 20
Paesi Bassi[6] 23
Regno Unito 69
U.S. Billboard 200[6] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Horovitz, Bruce. "Just can't get enough of Duff". USA Today. 15 luglio 2003.
  2. ^ Metamorphosis - Hilary Duff | Songs, Reviews, Credits, Awards | AllMusic
  3. ^ Cinquemani, Sal. "Hilary Duff - Metamorphosis". Slant. 2003.
  4. ^ Metamorphosis - Hilary Duff | AllMusic
  5. ^ a b Ultratop, Belgian Flemish Albums Chart, 7 febbraio 2004. URL consultato il 6 marzo 2010.
  6. ^ a b c "Hilary Duff - Metamorphosis". aCharts.us.
  7. ^ charts.org.nz - Hilary Duff - Metamorphosis
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica