Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zancle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Messana)
Zancle
Nome originale Ζὰγκλης (Zànkles)
Cronologia
Fondazione 730 a.C.
Fine 396 a.C.
Causa Distruzione da parte dei cartaginesi
Rifondazione 393 a.C.
Fine 288 a.C.
Causa Occupata dai Mamertini, prenderà il nome di Messina
Localizzazione
Stato attuale Italia Italia
Località Messina

Zancle (dal greco Ζὰγκλης, Falce), fu una colonia greca della Sicilia, fondata dai calcidesi corrisponde all'odierna Messina

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Zancle, secondo Tucidide, deriva dal termine Zanclon della lingua dei Siculi ed è stato sostituito dal toponimo Messene/Messana quando un gruppo di Messeni, su invito di Anassilao, tiranno di Rhegion (odierna Reggio Calabria) di origine messenica, conquista la città sopraffacendo i Sami.

Zancle fu fondata dai Calcidesi provenienti dall'Eubea intorno al 757 a.C.. Il nome deriva forse dalla forma della penisola di San Raineri, somigliante ad una falce contribuendo a costituire un porto naturale che fu alla base dello sviluppo della colonia.

Reperti[modifica | modifica wikitesto]

I reperti archeologici scoperti tra il XIX e XX secolo hanno dimostrato che si tratta di una delle maggiori città della Sicilia greca pur se le tracce dell'insediamento sono di difficile reperimento a causa del forte interramento che ha sepolto a molti metri gli strati archeologici. Un ampio panorama delle scoperte archeologiche è fornito nei tre tomi del volume Da Zancle a Messina a cura di G.M. Bacci G. Tigano,(Messina 1999-2001), nei volumi 6 e 11 dei Quaderni del Museo Regionale di Messina e in varie pubblicazioni dedicate ai materiali.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. TROPEA, Studi Siculi e la necropoli zanclea, AA Pel., 9, 1894, pp. 3 ss.
  • P. ORSI, Messina. A) Tracce di un santuarietto arcaico verso la punta della Zancle, Notizie degli Scavi di Antichità, 1929, pp. 38-50
  • P. GRIFFO, IV - Messina - Necropoli ellenistico-romana agli "Orti della Maddalena" e nella zona ad essi adiacente, Notizie degli Scavi di Antichità, 1942, pp. 66 – 91
  • G. VALLET, Rhégion et Zancle, Paris 1958
  • G. SCIBONA, Messina, in Bibliografia Topografica della Colonizzazione Greca, Pisa, 1992, pp.1-66
  • M.A. Mastelloni, Un'officina di periodo normanno legata all'Archimandritato del SS. Salvatore in lingua Phari, in Calabria Bizantina, Atti X Incontro di Studi Bizantini, Reggio Calabria 25-27 ottobre 1991, Soveria Mannelli 1995, pp.142-177
  • M.A. Mastelloni, Rinvenimenti monetali: nota introduttiva, in Numismatica Archeologia e storia dell’arte medievale: ricerche e contributi, "Quad. A.D. Museo Messina", 6, 1996, Messina 1997 pp. 9-44
  • M.A. Mastelloni, Messina, via dei Monasteri: da un ripostiglio inedito elementi per lo studio delle serie di Sesto Pompeo, in Numismatica Archeologia e storia dell’arte medievale: ricerche e contributi, "Quad. A.D. Museo Messina", 6, 1996, Messina 1997, pp. 95 - 118
  • M.A. Mastelloni, Note di antiquaria messinese del XVIII secolo, in I Borbone in Sicilia (1734 1860), a cura di E. IACHELLO, Catania 1998, pp.158-169
  • M.A. Mastelloni,Il relitto di Capo Rasocolmo. Le monete, in Da Zancle a Messina, II, Messina 2001, pp. 278-285 e pp. 294-298
  • M.A. Mastelloni, "...per me Ruggero raggiungerà le stelle...” Le iscrizioni in porfidi e marmi bianchi di Messina, in Nobiles Officinae. Perle, filigrane e trame di seta dal Palazzo Reale di Palermo, Palermo, Palazzo dei Normanni, 17 dicembre 2003 - 10 marzo 2004.Vienna, Alte Geistliche, 30 marzo - 13 giugno 2004. A cura di M. Andaloro. Catania, 2006;, pp. 68-75.
  • M.A. Mastelloni, Il profilo degli dei a Rhegion e Zancle Messana - The profile of the Gods in Rhegion and Zancle Messana, Messina, 2004
  • M.A. Mastelloni, Messana e i Mamertini, in Lo Stretto di Messina nell’antichità, a cura di F. Ghedini, J. Bonetto, A.F. Ghiotto, F. Rinaldi, Roma 2005, pp. 275-292
  • M.A. Mastelloni, Pavimenti e mosaici di Messina, in Lo Stretto di Messina nell’antichità, a cura di F. Ghedini, J. Bonetto, A.F. Ghiotto, F. Rinaldi, Roma 2005, pp. 485-500
  • M.A. Mastelloni, L’insediamento arcaico e le aree suburbane. I materiali dagli isolati 327, 283, 278, 244, 194, 147, 144, via Santa Marta, località San Cosimo ed i rinvenimenti sporadici, in La Sicilia in età arcaica – dalle apoikiai al 480 a.C.: contributi dalle recenti indagini archeologiche, R. Panvini – L. Sole edd., Palermo 2009, pp. 142-145
  • M.A. Mastelloni, La coroplastica, in La Sicilia in età arcaica – dalle apoikiai al 480 a.C.: contributi dalle recenti indagini archeologiche, R. Panvini – L. Sole edd., Palermo 2009, pp. 146-149
  • M.A. Mastelloni, Il Museo Regionale di Messina, La formazione e le vicende delle collezioni e dei materiali arcaici esposti, in La Sicilia in età arcaica – dalle apoikiai al 480 a.C.: contributi dalle recenti indagini archeologiche, R. Panvini – L. Sole edd., Palermo 2009, pp. 150-151
  • M. A. MASTELLONI, III - I rinvenimenti numismatici. Le monete, in Francavilla di Sicilia nuovi studi e ricerche, in Quaderni di Archeologia. Università di Messina, 4 (2003), 2009, pp. 132-151, tavv. XV-XXIII
  • U. SPIGO, Nota sulle produzioni di ceramica a decorazione sovradipinta e sulla coroplastica ellenistica a Messina, in Da Zancle a Messina, 2001, II, 2, pp. .59-70

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]