Messaggio in bottiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una illustrazione dal romanzo I figli del capitano Grant di Jules Verne, disegnata da Édouard Riou.
« Messaggi consegnati alle onde che poi giungono fino a riva. Lettere d'amore, d'amicizia, richieste di aiuto. Storie, tante storie ... »
(la Repubblica parlando dei messaggi in bottiglia.[1])

Il messaggio in bottiglia è un sistema di comunicazione dove il messaggio è rinchiuso in un contenitore (solitamente una bottiglia di vetro) per poi essere rilasciato in mare: da questo momento in poi la bottiglia galleggerà sino a raggiungere la terraferma, dove il messaggio potrà essere letto da qualcuno. Questo sistema di comunicazione è talvolta utilizzato, in un modo simile alle celebri Friendly Floatees, per tracciare il percorso delle correnti oceaniche.[2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene non si possa sapere chi e quando abbia avuto l'idea di gettare in acqua il proprio messaggio in bottiglia, la tradizione vuole che il primo sia stato il filosofo greco Teofrasto nel 310 a.C, per dimostrare che il Mar Mediterraneo non era altro che un bacino dell'oceano Atlantico.[4][5][6][7]

Un uomo lancia una bottiglia in mare da un traghetto della Hurtigruten, sperando che prima o poi il messaggio al suo interno venga letto da qualcuno.

Fino al XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel XV secolo si viaggiava sempre più spesso in via marittima e quindi non erano rari naufragi oppure violente tempeste. Ciò è quello che accadde al celebre navigatore genovese Cristoforo Colombo che, in balia di una tormenta, scrisse un messaggio dove riportava tutte le sue scoperte e lo infilò in una bottiglia; nel suo comunicato chiese anche a chi lo avesse letto di consegnare il messaggio alla Regina di Spagna. Colombo sopravvisse, e non si sa che fine abbia fatto il suo messaggio.[4][5][6]

L'abitudine di inserire messaggi nelle bottiglie cadde in forte disuso nel XVI secolo, dove chi apriva una bottiglia contenente un messaggio era perseguibile dalla legge, o poteva perfino essere condannato a morte.[5][7] Il divieto di aprire i messaggi in bottiglia, emanato dalla regina Elisabetta I con l'Uncorker of Ocean Bottles,[6] venne introdotto poiché si presumeva che tali messaggi potessero essere scritti da spie nemiche.[4][7][8][9]

Si ritornò ad usare i messaggi in bottiglia solo dopo il lavoro dello statunitense Benjamin Franklin: infatti nel 1786 Franklin, dopo aver notato che le navi americane navigavano ad una velocità maggiore di quelle inglesi,[6] consegnò alle onde un messaggio in bottiglia per poter tracciare facilmente il percorso delle correnti oceaniche della costa orientale degli Stati Uniti.[6][8]

Meno noto è il messaggio in bottiglia mandato da un marinaio giapponese, Chunosuke Matsuyama, naufragato nel 1784 con i suoi 44 compagni su un'isoletta dell'Oceano Pacifico. Lì i marinai, patendo la fame, scrissero un messaggio dove chiesero aiuto e lo arrotolarono attorno ad un ramoscello di legno, che poi inserirono in una bottiglia. Il messaggio arrivò sulla terraferma solo nel 1935 toccando il villaggio giapponese di Hiraturemura, dove Matsuyama era nato e cresciuto, troppo tardi purtroppo per i naufraghi che erano morti da tempo.[4][6][10]

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei primi episodi noti nel XX secolo è il messaggio lanciato dal soldato Thomas Hughes nel 1914. Venti giorni prima di essere ucciso, Hughes scrisse a sua moglie Elizabeth, con un inglese molto approssimativo, il seguente messaggio:

(EN)
« Dear Wife, I am writing this note on this boat and dropping it into the sea just to see if it will reach you. If it does, sign this envelope on the right hand bottom corner where it says receipt. Put the date and hour of receipt and your name where it says signature and look after it well. Ta ta sweet, for the present. Your Hubby »
(IT)
« Cara moglie, sto scrivendo questa lettera su questa barca per poi gettarla in mare solo per vedere se ti raggiungerà. Se ti raggiungesse, firma questa lettera nell'angolo in basso a destra dove c'è scritto «Ricevuta». Lì metti anche la data e l'ora in cui l'hai trovata, inserisci il tuo nome dove c'è scritto «firma», e conservala bene. Ciao amore, ti saluto per il momento. Tuo marito »
(Il contenuto del messaggio in bottiglia lanciato da Thomas Hughes)
Un uomo tiene un messaggio in bottiglia trovato sulla spiaggia di Benacre.

Il messaggio venne rinvenuto nelle foci del Tamigi dal pescatore Steve Gowan nel 1999, 85 anni dopo che Hughes lo gettò in mare.[11][12][13]

Anche durante le due guerre mondiali furono numerosi gli episodi in cui venne usato il metodo dei messaggi in bottiglia, ma particolarmente significativi sono quelli legati alla seconda guerra mondiale e allo sterminio degli ebrei. Uno di questi avvenne nel 1939, presso Cuba. Verso quest'isola era diretta una nave piena di ebrei che cercavano rifugio nel continente americano; tuttavia, appena la nave approdò al porto, il presidente cubano Frederico Bru non permise loro di scendere sull'isola. La nave rimase approdata al porto per diverse settimane, durante le quali vennero lanciate in acqua centinaia e centinaia di messaggi in bottiglia. Questi ultimi, che di solito riportavano frasi come «Aiutateci, Presidente Bru, altrimenti saremo perduti», galleggiarono fino a raggiungere le coste statunitensi e perfino quelle europee.[6]

Un altro episodio noto avvenne nel 1944, nel campo di concentramento di Auschwitz, dove sette prigionieri, sei polacchi ed un francese, scrissero un messaggio dove riportarono i loro nomi ed i loro numeri.[14] In seguito inserirono il messaggio in una bottiglia di vetro, che poi nascosero in uno dei magazzini del campo di concentramento. Purtroppo solo due dei sette prigionieri, tutti di età compresa fra i 18 e i 20 anni, sopravvissero.[15][16][17]

Infine, sempre nel lager di Auschwitz, sono stati realizzati da un internato anonimo 32 disegni che sintetizzano l'orrore in cui si viveva nel campo di concentramento; in seguito l'autore, che si firmava «MM», ha inserito i suoi bozzetti in una bottiglia, che ha poi nascosto fra le fondamenta di una baracca.

I disegni all'interno della bottiglia, trovati dai curatori del Museo di Auschwitz nel 2012 (pochi giorni prima del giorno della Memoria), sono attualmente esposti nel campo di concentramento; su questo tema, inoltre, è anche stato realizzato un libro, The sketchbook from Auschwitz.[18][19]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 310 a.C.: Il filosofo greco Teofrasto lancia il primo messaggio in bottiglia.
  • XV secolo: Cristoforo Colombo manda un messaggio in bottiglia ove documenta le sue scoperte.
  • XVI secolo: Con il decreto introdotto da Elisabetta I chi apre un messaggio in bottiglia è punibile con la pena capitale.
  • 1784: Chunosuke Matsuyama lancia un messaggio in bottiglia dopo essere naufragato con i suoi 44 compagni in un'isola del Pacifico.
  • 1786: Benjamin Franklin lancia un messaggio in bottiglia per scoprire le correnti della costa orientale degli Stati Uniti d'America.
  • 1914: Thomas Hughes manda il suo messaggio in bottiglia; il destinatario era la moglie.
  • 1939: Degli ebrei, fermi al porto di Cuba sulla MS St. Louis, mandano dei messaggi in bottiglia dove cercano aiuto.
  • 1944: Prigionieri del lager di Auschwitz scrivono un messaggio, poi inserito in una bottiglia, dove riportano i loro nomi e numeri.
  • Prima del 1945: Un internato di Auschwitz realizza 32 schizzi, poi nascosti in una bottiglia per la loro conservazione.

Utilizzi pratici dei messaggi in bottiglia[modifica | modifica wikitesto]

L'astronauta della NASA Cady Coleman con il cilindro metallico che galleggia in aria.

In ambito scientifico[modifica | modifica wikitesto]

I messaggi in bottiglia vengono utilizzati anche in ambito scientifico.

Come già accennato, i messaggi in bottiglia vengono spesso utilizzati per per tracciare il percorso delle correnti oceaniche, soprattutto nell'Artico. Lì infatti si stanno lentamente sciogliendo le banchise polari, il che significherebbe che ci sarà più acqua fredda negli oceani. Una grande quantità di acqua fredda, con grande sorpresa degli scienziati, sembra essere in grado di cambiare il percorso delle correnti oceaniche; quindi, per iniziare a sapere i loro nuovi percorsi, si gettano in acqua delle bottiglie biodegradabili, che verranno poi costantemente monitorate grazie ad un computer.[3]

Anche la NASA ha utilizzato i messaggi in bottiglia in ambito scientifico. Infatti l'agenzia spaziale statunitense, ispirandosi ai messaggi in bottiglia, ha fabbricato un cilindro di acciaio che mette in comunicazione la Terra con lo spazio, permettendo di ottenere maggiori informazioni sul Sistema Solare.[20]

In ambito comunicativo[modifica | modifica wikitesto]

Poiché il vetro è un materiale impermeabile e resistente sia all'acqua che agli agenti atmosferici,[21] i messaggi in bottiglia venivano un tempo usati anche nelle comunicazioni, soprattutto nelle situazioni di emergenza; ora invece non è più molto usato, poiché è impossibile calcolare quanto ci metta ad arrivare e quale sia la sua destinazione. Tuttavia il giornale The Daily Telegraph, ironizzando, ha affermato che «i messaggi in bottiglia sono più veloci della Royal Mail».[4]

Comunque per poter mandare un messaggio in bottiglia in modo efficace bisogna prendere alcune precauzioni.

Prima di tutto bisogna sigillare la bottiglia utilizzando un tappo a vite (oppure in sughero).[22]

La bottiglia possibilmente deve essere di vetro scuro che protegge il messaggio dal sole, che lo può sbiadire.[22]

Il messaggio, infine, deve essere scritto su un foglio di carta resistente (evitando l'utilizzo di tessuti come i fazzoletti) e deve essere rinchiuso in una busta di plastica scura, per diminuire le possibilità che esso venga a contatto con l'acqua.[22]

Piccioni viaggiatori; la posta attraverso l'uso di questi ultimi è molto simile ai messaggi in bottiglia.

Metodi alternativi[modifica | modifica wikitesto]

Esistono molti strumenti per comunicazione simili ai messaggi in bottiglia.

Fra tutti spicca il ballon monté, dove il messaggio viene legato al filo di un palloncino gonfiato con elio o idrogeno. Il vantaggio dei ballon monté è che può essere lasciato da qualsiasi luogo e può in linea di massima raggiungere ogni località della Terra. Un altro vantaggio dei ballon monté è che essi possono essere "mandati" facilmente, a differenza dei messaggi in bottiglia che spesso, dopo essere lanciati, ritornano a riva.

Inoltre vi è la posta attraverso l'uso di piccioni viaggiatori che, a differenza dei sistemi di comunicazione precedentemente citati (che coinvolgono oggetti inanimati), utilizza degli animali per il trasporto, in questo caso i piccioni. Questo sistema, caduto in disuso, è molto efficace grazie alle capacità di orientamento dei volatili precedentemente citati.

Primati[modifica | modifica wikitesto]

Il Guinness World Record ha registrato alcuni primati relativi ai messaggi in bottiglia.

  • Il messaggio in bottiglia che ha impiegato più tempo per raggiungere la terraferma. Può vantare questo record il messaggio in bottiglia lanciato dalla città scozzese di Aberdeen nel 25 aprile 1914; il messaggio fu ritrovato solo quasi un secolo dopo, il 10 dicembre 2006, da un pescatore inglese.[23]
  • Il messaggio in bottiglia più piccolo. Questo record è stato tenuto da un messaggio posto in una bottiglia di 25 mm di diametro e 95 mm di altezza.[24]
  • Il messaggio in bottiglia più "vagabondo". È il record tenuto da un messaggio posto in una bottiglia di vino che, dopo essere stato lanciato nel 1993 nella città di Hennef, in Germania, è stato ritrovato tre anni dopo nella città di Falmouth, nello stato nordamericano del Maine.[24]
  • Il primo video-messaggio in bottiglia è stato rilasciato nel mare antistante al Porto Turistico di Amantea (CS) in Calabria, il 6 giugno 2014, dal videoartista Orazio Garofalo. [25] https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10203797786016154&set=a.2853468026867.140234.1564547704&type=1&theater

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« I'll send an SOS to the world
I'll send an SOS to the world
I hope that someone gets my
message in a bottle »
(IT)
« Manderò un SOS al mondo
Manderò un SOS al mondo
Spero che qualcuno riceva il mio
messaggio in bottiglia »
(Ritornello della canzone Message in a Bottle)

Data la loro popolarità i messaggi in bottiglia appaiono in molte opere; eccone alcune:

Illustrazione del libro I figli del capitano Grant, scritto da Jules Verne.

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Nei fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Nei film[modifica | modifica wikitesto]

Nella musica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Caporale, Dal mare alla rete, i messaggi in bottiglia parlano d'amore, la Repubblica, 21 dicembre 2007. URL consultato il 21 dicembre 2007.
  2. ^ (EN) Bottled messages reveal ocean currents, Australian Geographic, 26 luglio 2011. URL consultato il 26 luglio 2011.
  3. ^ a b (EN) Hack Campbell, Message In A Bottle - It's Not Littering, It's Science!, Science 2.0., 26 maggio 2010. URL consultato il 26 maggio 2010.
    «[...] but there is something poignant about the randomness of nature coupled with an intentional act of bridging distances, though these days you'll have Greenpeace ramming your ship if you try it - unless it's for science».
  4. ^ a b c d e (EN) Gerald Warner, Message in a bottle could make a comeback: it's faster than Royal Mail, The Daily Telegraph, 22 agosto 2008. URL consultato il 22 agosto 2008.
  5. ^ a b c (EN) Rebecca Livermore, The History of Messages in Bottles, Yahoo! Voices, 1º aprile 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
    «Messages in Bottles Are Sent for Many Reasons with Different Results».
  6. ^ a b c d e f g (EN) List o’ Top Ten Famous Messages In Bottles, Aftermath, 12 ottobre 2010.
    «[...] This is not the first message in a bottle to survive a perilous journey. This list presents ten famous documented cases of the “Message In A Bottle” SOS actually working.».
  7. ^ a b c (EN) Message in a bottle, Turks & Cuicos National Museum..
    «Ever since humans have had the “vessel” for a letter, the ability to write and the time to do it we can assume that messages have been dropped into the sea».
  8. ^ a b (EN) History of Message in a Bottle, Message in a Bottle.uk..
    «Fragile as it is, a well-sealed bottle is one of the world's most seaworthy objects».
  9. ^ Kraske, p. 55-56.
  10. ^ Kraske, p. 30-32.
  11. ^ (EN) Sweet message in a bottle, BBC News, 18 maggio 1999.
  12. ^ (EN) Chris Ryan, 1914 message in bottle found, The Indipendent, 12 aprile 1999.
  13. ^ (EN) Message in bottle arrives after 85 years., Coventry Newpapers, 1999.
  14. ^ È risaputo che i nomi dei deportati, una volta entrati nel campo, venivano sostituiti con numeri (per esempio 3846296229).
  15. ^ (EN) Builders find Auschwitz message, BBC News, 27 aprile 2009. URL consultato il 27 aprile 2009.
  16. ^ (EN) Message in a bottle from Auschwitz prisoner found, The Local, 28 aprile 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  17. ^ (EN) The Story Behind Auschwitz Bottle Message, Israel National News, 5 giugno 2009.
  18. ^ Andrea Tarquini, In 32 fogli il dramma del lager, la Repubblica, 24 gennaio 2012, sitocheprende. URL consultato il 24 gennaio 2012.
    «È l´opera di un internato di Auschwitz che nascose il suo fumetto in una bottiglia perché arrivasse a noi».
  19. ^ Auschwitz-Birkenau State Museum.
  20. ^ (EN) Japan Aerospace Exploration Agency Education Payload Observation 5 (JAXA_EPO_5), NASA..
    «[...] plans to create a unique communication interface between space and Earth, as well as present and future humankind».
  21. ^ (EN) Proprietà del vetro, VetroMeccaniche Italiane..
  22. ^ a b c Roberto Regnoli, Invia un messaggio, Messaggi dal mare..
    «Vuoi provare ad inviare un messaggio in bottiglia? Affinché arrivi sano e salvo e se qualcuno lo trova possa risponderti, devi seguire qualche regola».
  23. ^ (EN) Oldest message in a bottle, Guinness World Records..
  24. ^ a b (DE) Flaschenpost Weltrekorde im Guinnes Buch der Rekorde, Flaschenpost..
  25. ^ Eugenio Furia, Messaggio (visivo) in bottiglia - Orazio Garofalo e i novelli Ulisse in Corriere della Calabria - settimanale di cronaca, politica, cultura, spettacoli, sport - anno IV n. 155, 19 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENPL) MM (a cura di), The Sketchbook from Auschwitz, Auschwitz-Birkenau State Museum, 2012, ISBN 978-83-7704-031-7.
  • (EN) Robert Kraske, The twelve million dollar note: strange but true tales of messages found in seagoing bottles, T. Nelson, 1977, ISBN 978-0-8407-6575-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]