Mesalazina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Mesalazina
{{{immagine1_descrizione}}}
Nome IUPAC
5-amino-2-hydroxybenzoic acid
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C7H7NO3
Massa molecolare (u) 153.135 g/mol
Numero CAS [89-57-6]
Codice ATC A07EC02
PubChem 4075
DrugBank APRD01098
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione 280
Dati farmacocinetici
Escrezione orale, rettale
Indicazioni di sicurezza

La Mesalazina è un farmaco antiinfiammatorio non steroideo (FANS) della classe dei salicilati con azione limitata al tratto gastrointestinale. Viene impiegato nella cura della Rettocolite ulcerosa, nella Malattia di Crohn e nella Colite microscopica. Trattamento delle fasi attive della malattia, prevenzione delle recidive. La sua azione è locale nell'intestino in modo da evitare effetti collaterali sistemici.[1].

Chimicamente è acido 5-amminosalicilico (5-ASA). Il 5-ASA è la frazione attiva della sulfasalazina.[2].

Formulazione[modifica | modifica sorgente]

La formulazione della mesalazina è sia in compresse che in granuli per l'assunzione orale, mentre per la somministrazione rettale si usano le supposte o i clisteri. Viene commercializzato come: "Asacol", "Pentasa", "Pentacol", "Ipocal" e "Mesavancol". L'ultimo di tali nomi ha il vantaggio di poter essere somministrato in monodose giornaliera, un dosaggio più conveniente per i pazienti. Studi recenti infatti hanno dimostrato che una dose unica giornaliera è sufficiente per il mantenimento della colite ulcerosa.

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Comuni:

  • Flatulenza
  • Crampi
  • Diarrea

Rari:

  • Esacerbazione della colite
  • Reazioni di ipersensibilità (incluso rash, orticaria aka orticaria, nefrite interstiziale e sindrome lupus eritematoso)
  • Perdita di capelli
  • mal di testa
  • Nefrite interstiziale
  • Pancreatite

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fondazione Umberto Veronesi, Mesalazina. URL consultato il 1º maggio 2010.
  2. ^ Mesalazina in Guida all'uso dei farmaci. URL consultato il 1º maggio 2010.