Mervyn Bennion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mervyn Sharp Bennion
Mervyn Sharp Bennion.jpg
5 maggio 1887 - 7 dicembre 1941
Nato a Vernon, Utah
Morto a Pearl Harbor, Hawaii
Cause della morte Ferito a morte da uno shrapnel
Luogo di sepoltura Salt Lake City, Utah
Religione Mormonismo
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata United States Department of the Navy Seal.svg United States Navy
Anni di servizio 1910-1941
Grado Capitano
Guerre Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Battaglie Attacco di Pearl Harbor
Comandante di USS Bernadou (DD-153)
Destroyer Division One
USS West Virginia (BB-48)
Decorazioni Medal of Honor
Studi militari Accademia navale di Annapolis

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Mervyn Sharp Bennion (Vernon, 5 maggio 1887Pearl Harbor, 7 dicembre 1941) è stato un militare statunitense. Per l'eroismo dimostrato durante l'Attacco di Pearl Harbor fu insignito postumo della Medal of Honor[1][2], la più alta decorazione militare assegnata dal Governo degli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Membro della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, suo nonno Welsh assieme ad altri pionieri mormoni emigrò in Utah, fondando un allevamento di bestiame di successo vicino a Taylorsville. Bennion si diplomò, terzo del suo corso, all'Accademia navale di Annapolis nel 1910. Anche suo fratello Howard intraprese la carriera militare, diplomandosi due anni dopo, primo in corso, alla Accademia Militare degli Stati Uniti. Dopo il diploma, il primo incarico di Bennion fu come ingegnere sulla California. Si specializzò nell'uso dell'artiglieria navale. Durante la prima guerra mondiale gli fu affidato il comando delle batterie della North Dakota. La prima nave sotto al comando di Bennion fu la Bernadou, successivamente gli fu affidato il comando del Destroyer Division One, squadrone di cacciatorpediniere di stanza nel Oceano Pacifico. Il 2 luglio 1941 fu nominato comandante della corazzata West Virginia.

La tomba di Mervyn S. Bennion nel cimitero di Salt Lake City

Attacco di Pearl Harbor[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Attacco di Pearl Harbor.

Durante l'attacco di Pearl Harbor una bomba colpì il ponte di comando della West Virginia, dove in quel momento si trovava il capitano Bennion, che rimase gravemente ferito all'addome da una scheggia. Alcuni marinai, tra cui l'aiuto-cuoco Doris Miller, tentarono di spostare il capitano per portarlo ad una stazione di pronto soccorso, ma Bennion si rifiutò di lasciare il proprio posto. Tenendosi chiuse le ferite con un braccio, continuò a comandare il suo equipaggio mentre lentamente moriva dissanguato.[3] "Per il suo elevato senso del dovere, lo straordinario coraggio, ed il completo sprezzo della propria vita", fu insignito postumo della Medal of Honor.[1][2] La sua salma fu tumulata nel cimitero di Salt Lake City, nello Utah.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Honor
«Per l'elevato senso del dovere, lo straordinario coraggio, ed il completo disprezzo della propria vita, oltre il suo dovere, dimostrati durante l'attacco alla flotta a Pearl Harbour, da parte delle forze giapponesi il 7 dicembre 1941. Come comandante della USS West Virginia, dopo essere stato mortalmente ferito, si preoccupò solo del combattimento in corso e di mettere in salvo la sua nave, protestando fortemente quando si tentò di portarlo via dal ponte.»

Navi che portano il suo nome[modifica | modifica wikitesto]

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

Nel film Pearl Harbor del 2001 il ruolo del capitano Bennion era di Peter Firth.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) United States. Bureau of Naval Personnel, Medal of honor, 1861-1949, the Navy, Washington, 1950, pp.156.
  2. ^ a b (EN) Bennion su history.navy.mil. URL consultato il 30 luglio 2011.
  3. ^ (EN) Storia della USS West Virginia su navy.mil. URL consultato il 30 luglio 2011.
  4. ^ (EN) Cast completo del film Pearl Harbor su imdb.com. URL consultato il 30 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]