Merikara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Merikara
Il cartiglio di Merikara appare sulla stele di Anpuemhat, un sacerdote addetto al suo culto funerario durante il Medio Regno[1].
Il cartiglio di Merikara appare sulla stele di Anpuemhat, un sacerdote addetto al suo culto funerario durante il Medio Regno[1].
Re dell'Alto e Basso Egitto
In carica Primo periodo intermedio
Incoronazione tra il 2160 a.C. ed il 2040 a.C.[2]
Predecessore Meribtawy
Successore Antef II (XI dinastia



Morte tra il 2160 a.C. ed il 2040 a.C.[2]
Sepoltura piramide?
Luogo di sepoltura Saqqara?
Dinastia X dinastia egizia
Padre Meribtawy?

Merikara (... – ...) è stato un faraone della X dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Merikara regnò solamente su alcuni nomos intorno a Heracleopolis Magna. Di lui si ricordano gli forzi per difendere le regioni del delta del Nilo sia dai nomadi provenienti dalla Libia che da quelli provenienti dalla Penisola del Sinai. Cercò relazioni di buon vicinato con i sovrani, a lui contemporanei, della XI dinastia tebana ma venne da questi infine sconfitto. Suo avversario principale fu Antef II.

Si ritiene che sia il Merikara a cui è dedicato il testo sapienziale L'insegnamento per Merikara, testo dove un sovrano, probabilmente Meribtawy, trasmette al figlio che dovrà un giorno succedergli, indicazioni su come governare.

Il suo regno dovrebbe essere durato circa vent'anni. Non si conosce la posizione del suo monumento funebre, il cui nome era W3ḏ swt mr y k3 rˁ (Uadjsut Merikara - Luogo di Merikara unito nella prosperità), ma il suo culto funerario è attestato a Saqqara durante la XII dinastia da due stele di sacerdoti, Apa ed Anpuemhat, addetti al culto della sua piramide e di quella di Teti[1].











Titolatura[modifica | modifica sorgente]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 mr i i D28
Hiero Ca2.svg
mr y k3 rˁ Merikara Amato dal Ka di Ra
G39 N5
 
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
Hiero Ca2.svg


Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Meribtawy Primo periodo intermedio Antef II (XI dinastia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b James Edward Quibell, Excavations at Saqqara (1905-1906), Le Caire, Impr. de l'Institut français d'archéologie orientale (1907), p. 20-23; pl. XIII, XV.
  2. ^ a b Cimmino, Franco - dizionario delle dinastie faraoniche, p. 469

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - Il Medio Regno in Egitto: dall'ascesa dei sovrani di Herakleopolis alla morte di Ammenemes III - Storia antica del Medio Oriente 1,4 parte seconda - Cambridge University 1971 (Il Saggiatore, Milano 1972)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I - Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]