Meridiungulata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Meridiungulata
Stato di conservazione: Fossile
Astrapotherium.jpg
Esempio di Meridiungulata, Astrapotherium
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Meridiungulata
Ordini

? Xenungulata;

Pyrotheria;

Astrapotheria;

Litopterna;

Notoungulata

I meridiungulati (Meridiungulata) sono un grande gruppo di mammiferi placentali dalle caratteristiche primitive, sviluppatisi in isolamento nel solo Sudamerica all'inizio del Terziario, quando il continente era separato dal Nordamerica.

Una moltitudine di forme[modifica | modifica sorgente]

I meridiungulati si originarono probabilmente da piccoli animali provenienti dal Nordamerica nel Cretaceo superiore o nel Paleocene inferiore (appena dopo la scomparsa dei dinosauri). Quando le due masse continentali si separarono, questi animali si svilupparono subito in forme di grandi dimensioni, come gli xenungulati simili a rinoceronti. Poco più tardi comparvero altri ordini, come gli astrapoteri (vagamente simili a tapiri), i piroteri (dall’aspetto simile a quello degli elefanti primitivi come Barytherium), i litopterni e i notoungulati. Questi ultimi due ordini prosperarono a lungo, per tutto il Cenozoico, e sopravvissero fino al Pleistocene, quando dovettero soccombere alla competizione degli ungulati provenienti dal Nordamerica, che nel frattempo si era riunito al Sudamerica, e alla predazione dei carnivori evoluti. I litopterni si diversificarono molto, sviluppando forme simili a cavalli e altre a cammelli, e ancor più fecero i notoungulati: tra di essi troviamo animali simili a topi, conigli, pecore, ippopotami, calicoteri, cavalli e cinghiali, in altrettanti formidabili esempi di convergenza evolutiva. I rapporti di parentela tra i vari ordini non sono ben chiari, ma dalla struttura delle zampe e del cranio sembra probabile che tutti questi animali condividessero un’origine in comune.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]