Meridiani (MTC)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il sistema dei meridiani

Secondo la medicina tradizionale cinese (MTC), lungo il corpo umano scorrono dei canali di energia (qi) detti meridiani (mai), analoghi a vasi o ad arterie, che formano un sistema organico. Si tratta di flussi energetici di materia fine non riscontrabili direttamente a livello sensoriale.

Suddivisione dei meridiani[modifica | modifica sorgente]

I meridiani si suddividono in due categorie:

  • meridiani Jing, ossia quelli principali, che scorrono per lo più longitudinalmente e in profondità nel corpo;
  • meridiani Luo, ossia quelli trasversali, che fungono cioè da collegamento tra i meridiani principali.

Gli Jing Mai o meridiani principali[modifica | modifica sorgente]

I meridiani Jing vengono associati ad un particolare organo, e sono suddivisi in cinque meridiani yin, e cinque meridiani yang, più altri due meridiani "regolatori", quindi in tutto dodici:

Meridiani regolatori:

I Luo Mai o meridiani trasversali[modifica | modifica sorgente]

I meridiani Luo (pronuncia: Lo) si situano in genere tra la pelle e i muscoli, ed hanno la funzione di collegare un meridiano principale yang ad uno yin, cosicché questi ultimi risultano accoppiati.

Le coppie di meridiani sono così i seguenti:

  • Rene - Vescica
  • Stomaco - Milza-Pancreas
  • Polmone - Intestino crasso
  • Fegato - Cistifellea
  • Cuore - Intestino tenue
  • Triplice riscaldatore - Pericardio

Ogni coppia è associata ad uno dei cinque elementi ideati ed elaborati dal pensiero filosofico cinese. Poiché si tratta di sei accoppiamenti, i due meridiani "regolatori" (Triplice riscaldatore-Pericardio) sono raggruppati nello stesso elemento Fuoco già associato al Cuore-Intestino tenue.

Patologie dei meridiani e terapie[modifica | modifica sorgente]

Tra le più antiche forme di terapia dei meridiani è l'agopuntura, che agisce cercando di ripristinare un eccesso o un difetto di energia situato lungo di essi. L'eccesso (yang) o il difetto (yin) non è da confondere con lo stato naturale dei meridiani, ad esempio il meridiano del Rene, di tipo yin, potrebbe subire tanto un deficit yin, come un sovraccarico yang di energia.[1]

Il ripristino dell'energia avviene spostandola da un meridiano che ne abbia in eccesso ad uno che ne abbia specularmente in difetto.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dietmar Krämer, Nuove terapie con i fiori di Bach, vol. III, Meridiani dell'Agopuntura e fiori di Bach. Corrispondenze tra i binari. Terapie per i bambini con fiori di Bach, trad. it., Mediterranee, 2000, pp. 127-133.
  2. ^ Ivi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wilfried Rappenecker, I cinque elementi e i dodici meridiani, Mediterranee, 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]