Merbromina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Merbromina
Molecola di merbromina
Vista 3D di una molecola di merbromina
Boccetta di mercurocromo
Nome IUPAC
dibromoidrossimercurifluoresceina
Nomi alternativi
mercuriodibromofluoresceina
Mercurocromo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C20H8Br2HgNa2O6
Massa molecolare (u) 750.65 u
Aspetto Solido, rosso scuro
Numero CAS [129-16-8]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta tossico a lungo termine pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 330 - 310 - 300 - 373 - 410
Consigli P 260 - 264 - 273 - 280 - 284 - 301+310 [1][2]

La merbromina è un organometallo a base di mercurio, utilizzato come antisettico per uso topico, in virtù della sua azione batteriostatica sia su batteri Gram-positivi, sia su batteri Gram-negativi. È disponibile in commercio sotto vari nomi, tra cui il noto mercurocromo.

Le sue caratteristiche antisettiche furono scoperte nel 1919 dal medico Hugh Hampton Young, del Johns Hopkins Hospital[senza fonte].

Viene attualmente venduta in numerosi Paesi; in altri, invece, ne è stata proibita la vendita.

Usi[modifica | modifica sorgente]

La merbromina viene comunemente impiegata per la disinfezione e la pulizia delle ferite e come cicatrizzante per piccole ferite, ustioni o abrasioni; se ne consiglia l'uso in piccole quantità, 2 o 3 gocce per 2 o 3 volte al giorno.

È commercializzata sotto varie denominazioni commerciali, la più comune delle quali è mercurocromo. Questo nome viene utilizzato per indicare, oltre alla merbromina in sé, anche soluzioni acquose o etiliche contenenti merbromina (tipicamente al 2%). Il mercurocromo viene talvolta indicato anche con le grafie errate "mercuriocromo" e "mercurio cromo".
Come antisettico, in molti paesi è stata sostituita da agenti più efficaci (tra cui lo iodopovidone, il cloruro di benzalconio, il cloroxilenolo).

La merbromina viene utilizzata anche come tintura, in ambito medico, per evidenziare i margini di campioni di tessuto analizzati nei laboratori, e, in ambito industriale, come liquido penetrante utilizzato per verificare la presenza di crepe nei metalli, nell'ambito dei controlli non distruttivi.

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Uno svantaggio derivante dall'uso della sostanza è che, a causa del suo colore rosso scuro, essa rende più difficile individuare un eventuale eritema o infiammazione formatisi attorno alla ferita (i quali possono indicare la presenza di un'infezione in corso).

È noto che la sostanza interagisce con la procaina.

Inoltre, si sconsiglia l'uso della merbromina in associazione con detergenti e disinfettanti, come acqua ossigenata e composti contenenti iodio (tintura di iodio, betadine).

Nel 1998 la Food and Drug Administration ne ha vietato la distribuzione negli Stati Uniti, per sospetta tossicità da mercurio.[3][4] Per lo stesso motivo, dal 2001 non viene più usata neanche in Brasile e il suo impiego in luogo di altri disinfettanti privi di mercurio è tuttora una questione controversa anche in altri Paesi, quali la Germania e l'Inghilterra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della mercuriodibromofluoresceina su IFA-GESTIS
  2. ^ Sigma Aldrich; rev. del 23.12.2011
  3. ^ Federal Food, Drug, and Cosmetic Act (FD&C Act): Quantitative and Qualitative Analysis of Mercury Compounds in the List, U.S. Food and Drug Administration, 30 aprile 2009.
  4. ^ What happened to Mercurochrome?, The Straight Dope, 23 luglio 2004.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]