Menecrate (medico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Menecrate (Siracusa, ... – ...) è stato un medico greco antico.

Vissuto nel IV secolo a.C., fu medico di corte di Filippo II di Macedonia. È noto per la sua folle vanagloria. A quanto racconta Ateneo, costringeva i suoi pazienti afflitti da malattie gravi a stipulare un contratto con cui si impegnavano a divenire suoi schiavi se fosse riuscito a guarirli. Dava nomi di divinità agli schiavi che si procurava in tal modo, facendo chiamare se stesso Zeus.

Avrebbe scritto lettere al re Filippo e ad Archidamo III, re di Sparta vantandosi di essere superiore a loro, poiché mentre i re potevano solo decidere la morte dei loro sudditi, egli poteva dare la vita.

Ateneo racconta che il re Filippo, per punire la sua presunzione, organizzò un banchetto nel quale a tutti erano offerti cibi squisiti, tranne a Menecrate, al quale, come se fosse realmente un dio, aveva riservato solo fumi d'incenso e libagioni.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Ateneo, Deipnosophistae, VII, 289a-289f.
  • Plutarco, Vita di Agesilao, 21. 5.
  • Eliano, Storie varie, XII, 51.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]