Melomys fraterculus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ratto dalla coda a mosaico a Manusela
Immagine di Melomys fraterculus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Melomys
Specie M.fraterculus
Nomenclatura binomiale
Melomys fraterculus
Thomas, 1920

Il Ratto dalla coda a mosaico a Manusela (Melomys fraterculus Thomas, 1920) è un roditore della famiglia dei Muridi endemico dell'isola di Seram.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo di 115 mm, la lunghezza della coda tra 153 e 155 mm, la lunghezza del piede di 26 mm e la lunghezza delle orecchie tra 17 e 18 mm.[3]
Il colore del dorso è bruno-rossiccio chiaro, le parti ventrali sono grigie. La coda è più lunga della testa e del corpo, è uniformemente bianca con delle chiazze brune e ricoperta di fitta peluria.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie arboricola.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica del Monte Manusela, sull'isola di Seram, Isole Molucche centrali.

Vive nelle foreste muschiose montane a circa 1.830 metri di altitudine su terreni calcarei.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato l'areale ridotto ad una singola località e il continuo degrado nella qualità del proprio habitat, classifica M.fraterculus come specie in grave pericolo (CR).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Helgen, K. & Aplin, K. 2008, Melomys fraterculus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Melomys fraterculus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Helgen, 2003, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi