Melogale moschata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Melogale moschata
HelictisSubaurantiacusWolf.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Mustelidae
Sottofamiglia Mustelinae
Genere Melogale
Specie M. moschata
Nomenclatura binomiale
Melogale moschata
(Gray, 1831)

Melogale moschata (Gray, 1831) è un carnivoro della famiglia dei Mustelidi[2].

Chiamato anche tasso furetto della Cina, è la specie più settentrionale del genere, nonché la più diffusa.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La pelle di un tasso furetto della Cina

Essendo diffuso su un areale piuttosto vasto, il tasso furetto della Cina ha dato vita a parecchie sottospecie. Se ne conoscono ben sette: oltre a quella nominale, la moschata, esistono anche la ferreogrisea, la hainanensis, la millsi, la sorella, la subaurantiaca e la taxilla.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il tasso furetto della Cina si distingue dagli altri Mustelidi orientali (tranne che dalle altre specie del genere Melogale) per una specie di «maschera», formata da disegni neri e bianchi, sul muso. La sua pelliccia, nota con il nome commerciale di pahmi, è costituita da una morbida lanugine, di colore variabile dal bianco-giallo al grigio-giallo, e da corte e fitte setole grigio ardesia con sfumature grigio-brune. È lungo 33 - 43 cm ed ha una coda di 15 - 23 cm.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle zone erbose e nelle foreste tropicali di una fascia che va dall'India nord-orientale alla Cina meridionale, fino a Taiwan e all'Indocina settentrionale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Il tasso furetto della Cina vive in tane o cavità degli alberi ed è attivo al crepuscolo e di notte. È un buon arrampicatore e si nutre di frutta, insetti, piccoli vertebrati e vermi. Se messo alle strette diventa una creatura feroce, nonostante le dimensioni, ed emette una secrezione nauseabonda dalle ghiandole anali. In maggio o giugno la femmina partorisce da uno a tre piccoli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Duckworth, J.W. (Small Carnivore Red List Authority) & Schipper, J. (Global Mammal Assessment Team) 2008, Melogale moschata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Melogale moschata in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mammiferi