Meloe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Meloe
Meloe violaceus oelkaefer 20050410.JPG
Meloe violaceus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Cucujiformia
Superfamiglia Tenebrionoidea
Famiglia Meloidae
Sottofamiglia Meloinae
Genere Meloe
Linnaeus, 1758
Specie

vedi testo

Meloe Linnaeus, 1758 è un genere di insetti della famiglia dei Meloidi (superfamiglia Tenebrionoidea).

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Comunemente sono noti come «coleotteri oleosi» perché, quando attaccati, rilasciano gocce oleose di emolinfa dalle loro articolazioni. La secrezione contiene cantaridina, una sostanza chimica velenosa che provova vesciche cutanee ed edemi dolenti. Anticamente era utilizzata come afrodisiaco.

I membri di questo genere sono privi di ali funzionali e non sono in grado di volare. Presentano brevi elitre e un voluminoso addome in gran parte scoperto.

Ciclo biologico[modifica | modifica sorgente]

Come altri membri della famiglia, sono ipermetamorfici e passano attraverso un complesso ciclo di diversi stadi larvali, il primo dei quali è il caratteristico triungulino mobile, che cerca e si attacca a un ospite con l'obiettivo di essere trasportato e guadagnare l'accesso al suo nido (fase foretica). In questo genere, l'ospite è un'ape, e ogni specie di Meloe può attaccare solo una singola specie o un singolo genere di api; anche se possono essere considerati parassitoidi, sembra che, in generale, la larva di Meloe consumi le larve e le uova dell'ape insieme alle proprie provviste, e spesso può sopravvivere delle sole provviste, perciò non si qualifica tecnicamente come tale.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Comprende le seguenti specie[1][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Meloe, funet.fi
  2. ^ Meloe, ITIS Report

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]