Melanoflogite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Melanoflogite
Melanophlogite-156560.jpg
Classificazione Strunz IV/D.01-40
Formula chimica SiO2·n(C,H,O,S)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino  
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale 4/m 2/m 2/m
Gruppo spaziale P 41/nbc
Proprietà fisiche
Densità 2.0; g/cm³
Durezza (Mohs)  
Sfaldatura  
Frattura  
Colore  
Lucentezza  
Opacità  
Striscio  
Diffusione Raro;
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La melanoflogite è un minerale formatosi naturalmente in condizioni di alta pressione di gas. Fa parte della cosiddetta famiglia dei Clatrati (dal latino clathrus=inferriata, cancello, gabbia).

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

Consiste di un reticolo cristallino formato da tetraedri di SiO4 (gli stessi elementi base costituenti sia il quarzo che la silice) con una struttura particolare che forma una serie di gabbie. All'interno di queste gabbie normalmente sono contenute singole molecole dei gas presenti al momento della formazione con una variabilità nella composizione complessiva che dipende dal sito di estrazione. È anche possibile riscaldare il minerale per provocare la fuoriuscita del gas al suo interno, lasciando solo il suo scheletro di silice.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

È un minerale molto raro che è stato estratto in pochi siti al mondo. In Italia è stato trovato a Racalmuto (Sicilia) e a Fortullino (Toscana).

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia