Mehmet Ali Talat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mehmet Ali Talat

Mehmet Ali Talat (Kyrenia, 6 luglio 1952) è un politico cipriota, di origini turche. Presidente della Repubblica Turca di Cipro Nord non riconosciuta internazionalmente.

Leader del Partito Turco Repubblicano (Cumhuriyetçi Türk Partisi, CTP) ha intercettato il risentimento della parte della popolazione turco-cipriota che desidera una politica di negoziazione con il governo della Repubblica di Cipro, che dal 1974 comprende solo i greco-ciprioti, in modo da giungere a una riunificazione dell'isola e all'ingresso nell'Unione Europea.

È stato nominato primo ministro nel gennaio 2004, incrinando per la prima volta il monopolio del potere del leader storico della minoranza turca e presidente dell'autoproclamata repubblica, Rauf Denktaş, che però conservava il potere di negoziazione. Grazie alla campagna a favore del Piano Annan per la riunificazione di Cipro ha condotto la popolazione della RTCN a votare positivamente al referendum, posizione resa inutile a causa del voto negativo dei greco-ciprioti ma che ha fatto guadagnare per la prima volta consensi internazionali ai turco-ciprioti e all'operato di Talat. Una successiva elezione parlamentare del gennaio 2005 ha rafforzato il suo partito che ha sfiorato la maggioranza assoluta dei seggi.

Il 17 aprile 2005 è stato eletto presidente succedendo a Denktaş, ritiratosi alla fine del suo quarto mandato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 78332017

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie