Mehemmet Birde Bek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Mehemmet Birde Bek, pron. Birdi Bek, in tartaro Mөxəmmət Bирди Bək (ante 13571359), fu il Khan dell'Orda d'Oro dal 1357 fino al 1359 anno della sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Aveva succeduto il padre Ganī Bek del quale forse aveva tramato l'omicidio per avvelenamento. Il suo breve regno fu caratterizzato da omicidi politici e nel 1359 egli stesso, come il padre, fu vittima di un attentato mortale per mezzo di un veleno forse per mano del fratello minore Qulpa. Dopo la sua morte gli eventi precipitarono per l'Orda d'Oro, che ancora per anni non riuscì a trovare una guida stabile.

Ebbe una figlia che divenne poi la moglie di Mamai, un potente generale secessionista dell'Orda d'Oro.

Genealogia[modifica | modifica sorgente]

Suo padre era Gani Bek, figlio di Uz Bek della discendenza di Batu e perciò della stirpe di Gengis Khan. Ebbe una figlia femmina. Non esistono fonti che riportino di suoi eventuali figli maschi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • David Morgan, The Mongols.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Khan dell'Orda Blu Successore
Ganī Bek 1357 - 1359 Mamai
Predecessore Khan dell'Orda d'Oro Successore
Ganī Bek 1357 - 1359 Qulpa
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie