Megan Gale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Megan Gale
Megan Gale in January 2011.jpg
Altezza 180[1] cm
Misure 91-64-91[1]
Taglia 36[1] (UE) - 6[1] (US)
Scarpe 41[1] (UE) - 10[1] (US)
Occhi Verdi
Capelli Neri

Megan Kate Gale (Perth, 7 agosto 1975) è una modella e attrice australiana. È nota soprattutto in Italia e nel suo paese natio grazie agli spot pubblicitari di Omnitel e Vodafone. In parte di origini polinesiane, è alta 1,80 m e le sue misure sono 91-64-91[2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Megan Gale ha fatto il suo ingresso nel mondo della moda nel 1994, grazie alla sua vittoria in un concorso; ha poi raggiunto una certa fama solo nel 1999, come protagonista di un fortunato spot televisivo per la società di telefonia mobile italiana Omnitel (ora Vodafone Omnitel NV). Nel suo primo spot faceva la parte di una ragazza che veniva fermata mentre guidava e a cui venivano prese le impronte digitali.[3] Complice il successo di tale spot, Megan Gale ha continuato ad essere il volto delle campagne pubblicitarie (anche internazionali) di Omnitel/Vodafone sino al 2005, quando la compagnia telefonica ha deciso di non procedere ad un ulteriore rinnovo del contratto con la modella australiana. In seguito, è stata per breve tempo testimonial Lepel promuovendo i suoi capi di intimo. È ritornata poi nel 2008 in una nuova pubblicità per la Vodafone Omnitel NV in occasione delle feste, dicendo "Non potevo mancare".

Oltre alla fortunata esperienza per la Vodafone, in Italia Megan Gale ha anche prestato la propria immagine per una serie di campagne a sfondo sociale, una promossa dal comune di Milano contro l'imbrattamento dei muri degli edifici cittadini, un'altra volta a combattere il fenomeno dell'abbandono degli animali domestici durante il periodo estivo ed uno per la promozione alla donazione di sangue.

In aggiunta alla propria attività di modella e testimonial pubblicitaria, Megan Gale ha partecipato anche ad alcune produzioni cinematografiche, fra cui una piccola parte nel film Stealth - Arma suprema (2005) e recitando nei panni di se stessa nei film Vacanze di Natale 2000 (1999, diretto da Carlo Vanzina), Body Guards - Guardie del corpo (2000, di Neri Parenti), con Massimo Boldi e Christian De Sica, e Stregati dalla luna (2001). Ha inoltre condotto assieme a Raffaella Carrà nel 2001 il Festival di Sanremo.

In Australia, ha condotto degli show del canale tv Nine Network ed ha sfilato per diversi anni per lo stilista David Jones, fino al 2008, quando ha annunciato il suo ritiro dalle passerelle. È stata fidanzata con il comico e conduttore radiofonico australiano Andy Lee.

Megan Gale vive in Australia e in Svizzera a Lugano; fra i suoi hobby si annoverano lo sci e la caccia, inoltre la modella si diletta a suonare il didgeridoo, uno strumento a fiato, antenato della moderna tromba, proveniente dall'Australia.

Era stata scelta per la parte di Wonder Woman, ruolo che fu in passato di Lynda Carter, nel film Justice league of America, diretto da George Miller, ma il film per vari problemi non è stato più realizzato.[4] Regolarmente torna a soggiornare a Lugano nel suo appartamento nel quartiere di Castagnola. Ha poi condotto, sempre per Nine Network, la trasmissione Body Work trasmessa in Italia da La5[5]. Dal 2011 è una delle testimonial della L'Oréal[6].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel novembre 2013 annuncia di aspettare il suo primo figlio[7] dal compagno Shaun Hampson, giocatore di football australiano.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Agenzie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) Megan Gale in Fashion Model Directory, Fashion One Group.
  2. ^ Megan Gale FMD.
  3. ^ Un'australiana di 23 anni la ragazza dello spot con i tasti del telefonino come impronte digitali, "Corriere della Sera" del 16 aprile 1999. URL consultato il 21-11-2009.
  4. ^ Megan Gale sarà Wonder Woman, Corriere.it, 30 novembre 2007.
  5. ^ Megan Gale è tornata, Davide Maggio .it, 8 agosto 2011.
  6. ^ Glamourday - Megan Gale testimonial L'Oréal
  7. ^ Megan Gale presto mamma: "Ho pregato tanto" tgcom24

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]