Megaderma lyra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Falso pipistrello vampiro maggiore
Greater False Vampire Bat (Megaderma lyra).jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Megadermatidae
Genere Megaderma
Sottogenere Lyroderma
Specie M.lyra
Nomenclatura binomiale
Megaderma lyra
E.Geoffroy, 1810
Sinonimi

M.carnatica, M.caurina, M.schistacea, M.spectrum

Areale

Greater False Vampire area.png

Il falso pipistrello vampiro maggiore (Megaderma lyra E.Geoffroy, 1810) è un pipistrello della famiglia dei Megadermatidi diffuso nell'Asia centrale fino alla Cina.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 70 e 95 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 56 e 72 mm, la lunghezza del piede tra 14 e 20 mm, la lunghezza delle orecchie tra 31 e 45 mm e un peso fino a 60 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è lunga ed eretta. Il colore delle parti dorsali è bruno-grigiastro, mentre le parti ventrali sono grigio-biancastre. Il muso è lungo, cilindrico e con la mandibola che si estende oltre la mascella. La foglia nasale, lunga circa 10 mm, è formata da una porzione anteriore rotonda e con i margini liberi, una porzione posteriore troncata all'estremità, con i bordi quasi paralleli e con un rilievo che la attraversa longitudinalmente. Sul labbro inferiore è presente un solco profondo al centro di una depressione triangolare. Le orecchie sono grandi, ovali, unite anteriormente lungo il margine interno per circa metà della loro lunghezza. Il trago è grande, bifido ed appuntito. Le ali sono grandi, larghe, uniformemente grigio-brunastre scure ed attaccate posteriormente alla base delle prime due dita dei piedi. La coda è ridotta ad un tubercolo parzialmente nascosto alla base dell'ampio uropatagio, mentre il calcar è corto e delicato.

Ecolocazione[modifica | modifica sorgente]

Emette ultrasuoni sotto forma di impulsi multi-armonici di breve durata a frequenza quasi costante fino a 106 kHz [4].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia in in colonie spesso numerosissime fino a 2.000 individui all'interno di grotte, buche nel terreno, edifici, templi e cavità degli alberi. I maschi talvolta vivono solitariamente tra il denso fogliame o sotto le fronde delle palme. L'attività predatoria inizia un'ora dopo il tramonto.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti, ragni, altri pipistrelli, roditori, uccelli, rane e pesci. Cattura le sue prede volando silenziosamente a circa un metro dal suolo, tra gli alberi e il sottobosco.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le femmine danno alla luce 1-2 piccoli tra aprile e giugno, dopo una gestazione di 150-160 giorni. L'allattamento dura 2-3 mesi. I maschi raggiungono la maturità sessuale dopo 5 mesi, mentre le femmine dopo 19 mesi. Gli accoppiamenti avvengono solitamente tra novembre e gennaio. Le femmine si aggregano nei periodi prima del parto, altrimenti vivono insieme all'altro sesso.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa dall'Afghanistan orientale al Subcontinente indiano, Cina centrale e meridionale e Indocina.

Vive in diversi ambienti, dalle zone aride alle foreste calde e umide fino a 1.000 metri di altitudine e lungo le zone costiere.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute 2 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione numerosa, la presenza in diverse aree protette e la tolleranza alle modifiche ambientali, classifica M.lyra come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Csorba, G., Bates, P., Molur, S. & Srinivasulu, C. 2008, Megaderma lyra in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Megaderma lyra in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Smith & Xie, 2008, op. cit.
  4. ^ J.Habersetzer, Vergleichende Flugelmorphologische Untersuchungen an einer Fledermausesellschaft in Madurai in Biona Report 5. Bat Flight - Fledermausflaug. Gustav Fischer, Stoccarda, 1986, pp. 75-104.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi