Media in Africa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I media in Africa sono in rapida espansione grazie ai progressi nel settore delle telecomunicazioni, in particolare nella telefonia e in Internet. Imparando dai paesi sviluppati, l'Africa non è stata costretta a 'reinventare la ruota'. Nel reportage quotidiano, molti giornalisti africani hanno vinto premi internazionali di media; nella scrittura sia in prosa che in versi, molti premi sono stati vinti da africani. L'Africa ora chiede per il Professore Wole Soyinka della Nigeria il Nobel per la letteratura

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1794 la prima macchina da stampa "sbarcò" in Africa a Freetown, in Sierra Leone, ma questa fu distrutta da un gruppo di predoni francesi prima che fosse usata. Quando un'altra macchina da stampa arrivò nel 1800 il giornale della Sierra Leone Inserzionista iniziò la stampa del quotidiano.

Comunicazione[modifica | modifica sorgente]

I progressi nella comunicazione satellitare, e la sua disponibilità in Africa (alcuni paesi del continente hanno i loro satelliti di comunicazione) ha fatto sì che alcune stazioni televisive locali ora siano visibili anche al di fuori delle loro aree di trasmissione terrestri.

I media digitali e Internet[modifica | modifica sorgente]

I media digitali e Internet fanno sempre più parte degli strumenti dei media africani. Uno sviluppo specifico degno di nota, è l'aumento di segnale cellulare. I giornalisti di tutto il continente utilizzano sempre di più il telefono cellulare come strumento di reporting primario necessario per raccogliere testimonianze, foto e video. Questo contenuto è spesso distribuito via Internet ed è uno dei primi esempi di convergenza tra Internet e media "mobili".

Siti web delle comunità africane stanno emergendo sulla scena e riflettono le tendenze del movimento Web 2.0 visto in altre parti del mondo.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 è iniziato un notiziario pan-africano trasmesso 24 ore su 24 (chiamato A24) con sede a Nairobi, trasmesso via satellite e via Internet.

Giornali[modifica | modifica sorgente]

Storicamente, la Nigeria ha vantato una libertà di stampa più resistente di qualsiasi altro paese africano, anche sotto le dittature militari del passato, la maggior parte dei quali hanno mostrato un'intolleranza verso la stampa. Come nei paesi più sviluppati, molti giornalisti, nel tentativo di mantenere l'integrità della professione, hanno preferito essere incarcerati piuttosto che tradire la riservatezza di una sorgente.

Nel 2005, i giornalisti in rappresentanza di 23 nazioni africane si sono incontrati in Camerun e hanno istituito la Società per lo sviluppo dei media in Africa (Société pour le Développement des Médias Africains, SDMA).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Editoria