MechWarrior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MechWarrior
Sviluppo Dynamix
Pubblicazione Activision
Serie MechWarrior
Data di pubblicazione Stati Uniti 1989
Genere Simulatore
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma MS-DOS
Supporto Floppy Disk
Requisiti di sistema Requisiti minimi: CPU 8088 / 8086, 512 KB RAM, sistemi operativi supportati: MS-DOS dalla versione 1.0 alla 2.11
Fascia di età ESRB: T
USK: 12
OFLC: G8+
Periferiche di input Tastiera, joystick
Seguito da BattleTech: Ubawareta Seihai

MechWarrior è un videogioco realizzato dalla software house Dynamix e pubblicato da Activision nel 1989. Si tratta di una simulazione di pilotaggio di mech (in parte GdR e gestionale), con visuale in prima persona.

L'applicazione video-ludica, è ispirata al gioco da tavolo BattleTech,[1] dell'editore di giochi di ruolo e wargame, FASA.

Nel 1993 fu pubblicato MechWarrior (omonimo titolo) per console Super NES.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal XXII secolo, la razza umana, sostenuta da nuove scoperte scientifiche e propulsa da un avanzato progresso tecnologico (come il Progetto Deimos, per i viaggi a velocità superluminale), si diffuse per diverse centinaia di anni luce dalla Terra: un moto espansivo oltremodo celere che finì per rarefare il potere politico e militare centrale (quello dell'Alleanza Terrestre prima, dal 2086 al 2315 e dell'Egemonia Terrestre in seguito, 2315 - 2767), determinando fortissime tensioni sociali. Sorsero così, vaste regioni di spazio abitato (la Inner Sphere, la Periphery e la Deep Periphery), i cui mondi vennero governati da un nuovo feudalesimo, in una condizione di guerra permanente.

I confini interni della Inner Sphere (zona che abbraccia la Terra con un raggio di 450-550 anni luce), in incessante ridefinizione, furono spartiti in cinque grandi "nazioni interstellari" (il Commonwealth Lirico, i Soli Confederati, la Lega Draconis, la Confederazione di Capella e la Lega dei Mondi Liberi), dominati da altrettante Grandi Casate nobiliari (Steiner, Davion, Kurita, Liao e Marik).

I BattleMech, imponenti e avanzate macchine, in genere antropomorfe (condotte da un'élite di piloti chiamati MechWarrior), divennero determinanti sui campi di battaglia.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

La Lega Stellare[modifica | modifica wikitesto]

Trascorsi interi secoli caratterizzati da selvagge ostilità fra i mondi, la Lega Stellare, un'alleanza interplanetaria politica, economica e militare, costituita nel 2571, fra la Terra e le Casate nobiliari, donò pace alla Inner Sphere, proiettando l'umanità in un periodo bicentenario (un'epoca, in seguito chiamata "Età dell'Oro").
La Lega Stellare, in seguito ad un tentativo di usurparne la guida, scivolò in una drammatica guerra civile e fu sciolta nel 2781.

Le Guerre di Successione[modifica | modifica wikitesto]

Nel vuoto di potere che seguì la caduta della Lega Stellare, i Lord delle cinque Grandi Casate nobiliari, si combatterono per quattro guerre interminabili, cercando ognuno di rifondare la Lega, ma sotto la propria sfera d'influenza. In due secoli e mezzo di conflitti, gli Stati Successori fecero scivolare la civiltà in una fase di pesante involuzione. Al tempo della fine della terza delle Guerre di Successione, l'umanità aveva perduto quasi tutto il progresso tecnologico conseguito durante la Lega Stellare e gli Stati Successori continuavano a lottare in una serie di scaramucce, in cui nessuno dei contendenti riusciva a prevalere sull'altro.

La Terza Guerra di Successione[modifica | modifica wikitesto]

La Terza Guerra di Successione ebbe inizio nel 2866, quando la Lega Draconis invase i confini del Commonwealth Lirico.

La campagna militare durò per oltre 150 anni. Essendoché gli Stati Successori avevano perduto le conoscenze tecniche per produrre o riparare le macchine che avevano permesso loro di comunicare e viaggiare fra le stelle, e con le forze militari fortemente indebolite, il nuovo conflitto su scala interplanetaria, fu una sequela d'incursioni ed assalti diluiti nel tempo. Gli eserciti si affrontarono in grandi battaglie campali, con precise regole d'ingaggio, per lo sfruttamento degli impianti industriali, impegnandosi però a non arrecarvi danno. Le parti in lotta riconobbero, inoltre, l'importanza assoluta delle BalzoNavi (astronavi in grado di "saltare" da un astro all'altro in tempi molto ridotti), battenti bandiera di qualsiasi Stato, senza le quali la guerra stessa non era possibile e venne dunque sancito il divieto di sottoporle ad attacchi.

Nel 3020, riconoscendo il costante declino dell'umanità verso la barbarie, l'Arconte Katrina Steiner del Commonwealth Lirico (Casata degli Steiner) inviò una proposta di pace ai leader delle altre Grandi Casate nobiliari. Hanse Davion, Principe dei Soli Confederati (Casata Davion), fu l'unico governante che accolse l'iniziativa: si andò verso l'unificazione del Commonwealth Lirico ed i Soli Confederati in un'unica super-potenza militare ed economica.
Alla possibile creazione di un unico stato, gli altri tre leader, rimasero sgomenti: tale evento avrebbe cambiato gli equilibri di potere a loro sfavore.
Nel 3022, la Lega Draconis, la Lega dei Mondi Liberi e la Confederazione di Capella, firmarono un accordo in base al quale fu chiesta la fine delle ostilità fra i loro tre stati, ora impegnati in una mutua difesa e in sforzi coordinati per far deragliare l'alleanza fra i Davion e gli Steiner.

Ufficialmente, la Terza Guerra di Successione terminò nel 3025, ma i combattimenti continuarono, seppur sporadicamente, fino al 3028.

Operazione Inroad[modifica | modifica wikitesto]

La Matabushi Incorporated, una società costruttrice di astronavi (con sede nella Lega Draconis), intorno al 3023-24 creò una particolare "divisione commerciale", al fine di preparare delle operazioni per il riciclaggio di denaro e il contrabbando a danno dei territori controllati dai Soli Confederati (nell'ambito della Terza Guerra di Successione).
Con l'Operazione Inroad, si tentò di attuare tale piano.

Nel 3023, la Luna di Ander fu identificata come il bersaglio ideale per concretizzare tali obiettivi. Il governo locale (guidato dal Duca Cameron Vandenburg) fu ritenuto "piccolo e controllabile", tuttavia, quando si dimostrò incorruttibile, la Matabushi Incorporated inviò dei mercenari sul pianeta, per eliminarne l'amministrazione ed instaurare un'autorità nuova e accomodante.

Nel 3024, unità da guerra azzerarono i vertici della Luna di Ander e Jarris McBrin (membro di una famiglia nobile rivale dei Vandenburg), il quale aveva ricevuto cospicue tangenti dalla Matabushi, prese il controllo dei beni della famiglia ducale. Egli, guadagnò rapidamente una notevole influenza sul proprio mondo, che usò per aggirarne le leggi ambientali ed estrarre minerali radioattivi (elementi di cui i militari Kurita della Lega Draconis avevano, a quel tempo, necessità assoluta).

Contesto attuale[modifica | modifica wikitesto]

Gideon Braver Vandenburg è il figlio diciottenne di Cameron Vandenburg, duca della Luna di Ander. Tale mondo fu colonizzato dalle famiglie nobili dei Vandenburg e dei McBrin. I Vandenburg furono ricompensati, dalla Casata dei Davion, con la concessione di un ducato, per il valore dei loro soldati, dimostrato nel corso delle Guerre di Successione.
Alla morte di un duca, il suo successore viene eletto dal Consiglio dei Rappresentanti ed "unto" con l'olio del sacro "Calice di Herne", un antico artefatto della Terra, simboleggiante la carica ducale.
Il titolo nobiliare ha creato, nel corso dei secoli, una rivalità amara tra la famiglie dei Vandenburg e dei McBrin.

Il 1º marzo del 3024, Gideon Braver Vandenburg lascia il Castello Vandenburg, roccaforte del padre, per una visita alle aziende di famiglia. Al suo ritorno, trova una tragica sorpresa: un gruppo di piloti MechWarrior (moderne incarnazioni dei cavalieri medioevali), a bordo di BattleMech, ha attaccato il castello, trucidato la sua famiglia e rubato il Calice di Herne, insieme ad altri tesori.
Per screditare e detronizzare i Vandenburg, Jarris McBrin fabbrica prove contro di loro, insinuando sia una collusione con organizzazioni dedite alla pirateria, che, come logica conseguenza, l'indegnità di Gideon Braver a succedere al padre. Tale macchinazione non riesce a sortire gli effetti voluti: McBrin non convince il Consiglio dei Rappresentanti ad eleggerlo Duca. Si decide, invece, di rimandare l'elezione al raggiungimento del 23º anno di età di Gideon.

Poco dopo la presa di posizione del Consiglio, Gideon Braver Vandenburg viene ingiustamente accusato di complotto e crimini contro il Ducato e costretto ad un esilio forzato dal proprio mondo natale. Jordan Rowe, un amico di famiglia, gli fornisce una via di fuga sicura su di una Nave da Sbarco militare, oltre a una somma di denaro e un vecchio modello di BattleMech.
Giunto su di un mondo vicino, per motivi di sicurezza abbrevia il proprio nome in Gideon Braver, intraprendendo una carriera da mercenario e formando una propria piccola unità di MechWarrior: i Blazing Aces.

Braver, indagando sull'eccidio dei propri consanguinei, viene a sapere che coloro che hanno saccheggiato il Castello Vandenburg erano legati ad un certo Griez Grig, un criminale ricercato, che opera nell'orbita della Lega Draconis (guidata dalla Casata dei Kurita). Sul pianeta Land's End (ubicato nella Periphery), Gideon s'imbatte in uno dei tirapiedi di Gring. Ne nasce un accordo: potrà incontrare il suo capo in persona, impegnandosi però, a consegnare, prima, un messaggio ad un agente di Grieg, sul pianeta Dustball.
Sulla superficie di Dustball, il destinatario del messaggio (tale Brown) punta un'arma su di lui, ma desiste dall'intenzione di ucciderlo quando scopre che il "messaggio" contiene un veleno mortale: diviene chiaro che Griez Grig vuole morti sia Gideon Braver che Brown. Quest'ultimo suggerisce a Gideon di fuggire in un altro sistema stellare, imbarcandosi sulla BalzoNave contrabbandiera battezzata Stone Arrow, il cui capitano è un uomo conosciuto come Kangaroo Jack. Per contattare lui, Gideon rintraccia il fratello di Kangaroo, pilota dell'unità mercenaria Smithson's Chinese Bandits. Questi, gli rivela il mondo ove potrà rintracciare il fratello. Immediatamente dopo l'incontro, Gideon subisce un tentativo di assassinio ad opera di un cecchino.

Una volta sul pianeta indicatogli, un uomo di nome Kearny lo avvicina: è proprio un contatto del capitano della Stone Arrow. Kearny fornisce a Gideon un indirizzo dove potrà incontrare Jack ad un'ora stabilita: lo informa inoltre, che, l'unità mercenaria Black Widow Company (giunta sulla Luna di Ander, proprio a bordo della Stone Arrow, recando insegne camuffate) è la responsabile dell'attacco al Castello Vandenburg.

Kangaroo Jack, viene ucciso prima che Gideon lo possa incontrare.

Braver scova Natasha Kerensky, capitano della Black Widow Company, in un bar ubicato su di un pianeta della Lega Draconis. La Kerensky nega ogni coinvolgimento e si adira: solo l'intervento di una misteriosa donna di nome Tasha lo salva da un pestaggio da parte degli uomini della Kerensky. Tasha si rivela essere un agente operativo del servizio segreto dei Soli Confederati e fornisce a lui, file che rivelano come la società Matabushi Incorporated (legata alla Casata dei Kurita) sia dietro ai Dark Wing, una coalizione di mercenari, artefice vera del massacro dei Vandenburg, commissionato dai Kurita nell'ambito dell'"Operazione Inroad", condotta contro i Soli Confederati. Tasha rivela che Kearny è in realtà un uomo dell'agenzia di spionaggio della Casata Kurita e che la Black Widow Company non ha nulla a che fare con l'incursione al suo castello. In sostanza, Kearny, stava spingendo Gideon a farsi uccidere dagli uomini della Kerensky. Persino Jordan Rowe, l'amico di Gideon, in verità lavora per la Matabushi.

Sbarcato su Albiero, mondo appartenente alla Lega Draconis in cui, a seguito d'informative, l'agente Kearny sarebbe stato localizzato, Gideon si trova nel mezzo di un'offensiva contro il quartier generale della Matabushi Incorporated (sferrato dai servizi segreti dei Soli Confederati), che culmina in uno scontro fra Tasha e Kearny: questi si accusano vicendevolmente di essere operativi Kurita. Gideon decide di fidarsi di Tasha, la quale soggioga Kearny.
Ad operazione conclusa, Tasha rende noto a Gideon l'ubicazione del Calice di Herne: l'oggetto sacro è custodito dai Dark Wing per conto della Matabushi.
Acquisita la notizia, Gideon B. Vandenburg e la sua unità di MechWarrior, rintracciano e sconfiggono i mercenari Dark Wing e ritrovano il Calice di Herne (cinque anni dopo la sua sottrazione).
Il recupero del calice e le prove contenute in un data disk (fornito da Tasha), riguardanti la verità sull'assalto al Castello Vandenburg, cancellano la macchia del disonore dalla famiglia Vandenburg.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

In MechWarrior, il giocatore viaggia per la Inner Sphere, negoziando contratti con le cinque grandi Casate nobiliari. A seconda delle azioni compiute, la sua unità mercenaria svilupperà una buona reputazione o una pessima nomea con ogni Casata.

La trama, si dipana per mezzo di "dialoghi a scelta multipla" e da questi, il destino dell'avatar del giocatore, viene pesantemente influenzato. Esiste anche il fattore casuale: ad esempio, giocando a due partite diverse potrebbe divenire necessario cercare un personaggio della storia su pianeti differenti. Il sistema di gioco è impostato in modo da non concedere grandi margini d'errore all'utente: una scelta sbagliata infatti, gli sarà fatale in molti casi, o gli impedirà di completare il gioco.

L'elemento principe di MechWarrior riguarda i BattleMech: queste macchine da guerra possono essere comperate e vendute, sottoposte a riparazione. Analogamente, i piloti mercenari (gregari dell'utente), si possono assoldare e licenziare. La reputazione acquisita dall'unità comandata dal giocatore risulterà determinante per assoldare mercenari di maggiore abilità.

Simulazione di combattimento[modifica | modifica wikitesto]

A seconda delle missioni, al giocatore vengono proposti contratti aventi per oggetto, ad esempio, la difesa di un impianto industriale, la distruzione di un deposito di munizioni, l'annientamento di un nemico.

Ogni BattleMech appartiene ad una particolare classe di utilizzo:

  • classe Leggera: mech veloci e dalle dimensioni "contenute" impiegati nelle operazioni di ricognizione e per gli attacchi in stile guerriglia;
  • classe Media: mech sufficientemente agili e potenti per le incursioni;
  • classe Pesante: macchine progettate per generare un notevole volume di fuoco, dotate di corazze e sistemi difensivi attivi in grado di proteggerle da un fuoco nemico pesante e sopperire all'assenza di agilità.

Le modalità di combattimento seguono le norme del gioco da tavolo BattleTech. La potenza di fuoco è limitata dalla capacità del mech di dissipare il calore conseguenza stessa dell'azione offensiva. I danni vengono riportati dopo ogni missione e le riparazioni hanno un costo. Alle prime battute del gioco si può essere costretti ad accomodare solo parzialmente una parte del proprio mech a causa dei fondi limitati.

Durante il combattimento, il giocatore può anche impartire comandi di base ai propri gregari, i quali sono dotati di una intelligenza artificiale semplice. Una caratteristica interessante proprio di questa IA è la capacità, da parte dei personaggi impegnati al fianco del giocatore, di ripiegare autonomamente se un danno al proprio mech raggiunge un livello prestabilito.

Tecnologia[modifica | modifica wikitesto]

Il motore di gioco è dotato di grafica vettoriale semplice e utilizza una risoluzione di 320 x 200 pixel, con una palette di 16 colori ed è una versione migliorata del motore che spingeva il videogioco Arcticfox per Amiga, uscito nel 1986 e sviluppato sempre da Dynamix.

Fazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tabella riassuntiva delle principali fazioni[2] che si contendono lo spazio della Inner Sphere nel periodo in cui è ambientato MechWarrior[3]:

GRANDI CASATE NOBILIARI (e pertinenti colori simbolici)
STATO SUCCESSORE CASATA CAPO DI STATO GOVERNO CITTÀ E PIANETA CAPITALE LINGUE DOMINANTI ANNO DI FONDAZIONE
Soli Confederati Davion Primo Principe Aristocrazia Costituzionale New Avalon City, New Avalon Inglese, Francese, Tedesco 2317
Commonwealth Lirico Steiner Arconte Monarchia Costituzionale Tharkad City, Tharkad Inglese, Tedesco, Gaelico scozzese, Italiano, Francese 2341
Lega Draconis Kurita Coordinatore Autocrazia Imperial City, Luthien Giapponese, Arabo, Inglese 2319
Confederazione di Capella Liao Cancelliere Dittatura Zi-jin Cheng, Sian Cinese (Mandarino e Cantonese), Russo, Inglese, Hindi 2366
Lega dei Mondi Liberi Marik Capitano-Generale Confederazione Parlamentare Atreus City, Atreus Inglese, Spagnolo, Greco, Romeno, Urdu 2271

BattleMech[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito, i modelli di BattleMech presenti in MechWarrior:

Modello Classe Stazza Max (t) Produttore industriale Tipo
Locust Leggero 20 Bergan Industries, Achernar BattleMechs, Corean Enterprises, Defiance Industries, Gibson Federated BattleMechs, Majesty Metals and Manufacturing, Pinard Protectorates Limited, Taurus Territorial Industries Inner Sphere
Jenner Leggero 35 Diplan Mechyards, Luthien Armor Works Inner Sphere
Phoenix Hawk Medio 45 Orguss Industries, Achernar BattleMechs, Ceres Metals Industries, Earthwerks Incorporated,

Coventry Metal Works

Inner Sphere
Shadow Hawk Medio 55 Lang Industries Incorporated, Earthwerks Incorporated, Majesty Metals and Manufacturing,

Odin Manufacturing, Vandenberg Mechanized Industries

Inner Sphere
Rifleman Pesante 60 Kallon Industries, Red Devil Industries, Trellshire Heavy Industries Inner Sphere
Warhammer Pesante 70 StarCorps Industries, Olivetti Weaponry, Nimakachi Fusion Products Limited, Ronin Incorporated,

Taurus Territorial Industries, Vandenberg Mechanized Industries

Inner Sphere
Marauder Pesante 75 General Motors, Bowie Industries, Ceres Metal Industries, Gibson Federated BattleMechs,

Ibuki Robotics & Manufacturing, Independence Weaponry, Majesty Metals and Manufacturing, Ronin Incorporated, Taurus Territorial Industries

Inner Sphere
BattleMaster Assalto 85 Hollis Industries, Blankenburg Technologies, Earthwerks Incorporated, J.B. BattleMechs Incorporated, Red Devil Industries, Trellshire Heavy Industries Inner Sphere

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BattleTech: the board game of armored combat
  2. ^ Touring the Stars. URL consultato il 31-03-2013. PDF
  3. ^ Great Houses.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi