Mea culpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Clementino del 2013, vedi Mea culpa (album).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il tour di Clementino, vedi Mea culpa Tour.

La locuzione latina mea culpa, tradotta letteralmente, significa per mia colpa.

Queste parole fanno parte del Confiteor (io confesso), preghiera con la quale i cattolici chiedono perdono a Dio riconoscendo le proprie colpe. Nell'uso quotidiano è invalso l'uso di tale espressione per scusarsi di qualche errore, ammettendo il proprio sbaglio.

Testo latino:

Confiteor Deo omnipotenti,
beatæ Mariæ semper Virgini,
beato Michaeli Archangelo,
beato Ioanni Baptistæ,
sanctis Apostolis Petro et Paulo,
omnibus Sanctis, et vobis, fratres (et tibi pater),
quia peccavi
nimis cogitatione, verbo et opere:
mea culpa,
mea culpa,
mea maxima culpa
.
Ideo precor beatam Mariam
semper Virginem,
beatum Michaelem Archangelum,
beatum Ioannem Baptistam,
sanctos Apostolos Petrum et Paulum,
omnes Sanctos, et vos, fratres (et te, pater),
orare pro me ad Dominum Deum nostrum.
Amen.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

  • Confiteor
  • Locuzioni latine
  • Wolfgang Kosack: Basilios "De archangelo Michael": sahidice Pseudo - Euhodios "De resurrectione": sahidice Pseudo - Euhodios "De dormitione Mariae virginis": sahidice & bohairice : < Papyruskodex Turin, Mus. Egizio Cat. 63000 XI. > nebst Varianten und Fragmente. In Parallelzeilen ediert, kommentiert und übersetzt von Wolfgang Kosack. Christoph Brunner, Berlin 2014. ISBN 978-3-906206-02-8.
lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina