Mazinkaiser SKL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mazinkaiser SKL
OAV
Titolo orig. マジンカイザーSKL
(Majinkaizā SKL)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Go Nagai (opera originale)
Regia Jun Kawagoe
Soggetto Tadashi Hayakawa
Character design Akeshi Itou
Mecha design
Studio
1ª edizione 27 novembre 2010
Episodi 3 (completa)
Aspect ratio 16:9
Rete it. Man-ga
1ª edizione it. 7 gennaio 2012
Mazinkaizer SKL Versus
manga
Titolo orig. Mazinkaizer SKL Versus
(Mazinkaizer SKL Versus)
Autori
Editore Emotion
1ª edizione 22 aprile 2010 – in corso
Collanaed. Shu 2 Comic Gekkin
Target shōnen

Mazinkaiser SKL (マジンカイザーSKL Majinkaizā SKL?) conosciuto anche come Mazinkaiser Skull è un OAV giapponese che ripropone le vicende dei Mazinga in un modo tendente allo splatter. Dell'anime, che è basato sull'opera originale di Go Nagai, esiste anche un adattamento manga chiamato Mazinkaiser-SKL VERSUS in corso di pubblicazione sulla rivista di telefonia mobile Shu 2 Comic Gekkin[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima degli eventi del anime, le tre fazioni - l'Esercito Garan, l'Esercito Kiba, e l'Hachiryokaku (l'armata di Aira), si combattono per il dominio totale della Machine Island, che occupano. L'isola è una prigione, isolata dal resto del mondo. Per garantirne la totale quarantena, un campo gravitazionale è stato formato all'interno dell'isola e solo le macchine create dal WSO (governo mondiale) in tutto il mondo sono in grado di entrare o uscire dall'isola. L'isola contiene anche grande quantità di risorse, consentendo alle tre fazioni di creare infiniti eserciti di robot per i loro rispettivi eserciti.

Il WSO ha appreso che il campo gravitazionale ha raggiunto l'instabilità e esploderà entro 66 ore, distruggendo la Terra e la vita umana stessa. Ciascuna delle tre fazioni controlla una parte del meccanismo responsabile del funzionamento del campo gravitazionale. Conoscendo il pericolo di disattivare il campo gravitazionale e la lotta contro le diverse fazioni, il WSO decide di inviare la Skull Force. La Skull Force è divisa in due squadre - una delle quali è la Death Caprice composto da due soli membri, Ken Kaido e Ryo Magami, i piloti del Mazinga chiamato Mazinkaizer-SKL, mandati per primi sull'isola e temuti persino dal resto della Skull Force.

Caratteristiche e peculiarità[modifica | modifica sorgente]

Il robot viene pilotato da due personaggi che sono Ken Kaido esperto di armi bianche e Ryo Magami maestro di armi da fuoco, Ken è molto simile a Koji Kabuto (Mazinga Z), e Ryo è del tutto simile ad Actarus (Ufo Robot Goldrake). Nella storia è stato anche introdotto un personaggio femminile: Tsubasa Yuki che sembrerebbe la "maestra" dei due piloti, anche lei pilota del robot femminile Wingle. Rispetto agli altri Mazinga, l'agganciamento del Pilder è molto violento e l'impatto con la testa del Mazinkaiser provoca delle scintille. Altra differenza (più sostanziale stavolta) sta nel petto. Tutti i Mazinga hanno a disposizione delle placche pettorali per il breast fire, qui sono sostituite da due pistole usate da Ryo (nel terzo episodio le pistole, sul petto, rilasciano l'attacco chiamato "Inferno Blaster" simile al raggio termico dei Mazinga), sia come arma cinetica che come arma bianca (i caricatori hanno una lama sulla base e sono posti nelle strisce rosse dei pugni a razzo). Inoltre le tecniche utilizzate per entrambe sono riprese esattamente dal film Equilibrium (film) dove le pistole vengono padroneggiate con la tecnica GUN-KATA [1] . La forma delle pistole sono un riferimento a Devilman, una delle più famose opere di Go Nagai.Un'ultima caratteristica della serie OAV è che il mecha si trova sempre nascosto in una zona facilmente raggiungibile dai protagonisti, mentre i modelli originali tornavano sempre nella base operativa, questo fa supporre che il modello SKL durante la durata degli OAV non venga sottoposto a manutenzione.

I robot[modifica | modifica sorgente]

Il robot è simile al Mazinkaiser. Il Pilder che si aggancia alla testa del robot è denominato Skull Pilder (data la forma di teschio). Questo Mazinga porta con sé un'enorme spada a denti di squalo (forse una Zanbato ), che a differenza dei Mazinga originali non può essere riposta nel corpo del robot; tale arma possiede un manico allungabile e mutabile in catena. L'arma è talmente grande che se sbattuta al suolo con forza può generare onde d'urto. Sul petto, a differenza delle placche pettorali da cui viene lanciato il raggio termico, vi si trovano un paio di grandi pistole caricabili con proiettili, missili e lanciabili come boomerang. In più il robot è dotato anche di pugni a razzo. Esiste anche un robot dalle sembianze femminili, le cui armi principali sono le lame sugli avambracci; tale robot è molto simile ad un mix tra Minerva X e Devil Lady e si chiama Wingle. Sembra che vi sia anche un esercito di robot femminili simili ad Afrodite A della serie di Mazinga Z, dotate di spade laser e pistole a raggi. Le fazioni di Garan sono simili a cavalieri, ed usano armi tipiche medievali come spade o balestre, mentre i robot di Kiba usano armi cinetiche, i robot di entrambe le fazioni rivali, sono dei restyling dei vecchi mostri meccanici King Dan X10 (fazione di Garan), Garada K7 e Doublas M2 (fazione di Kiba), creati dal Dottor Hell (Dott.Inferno in Italia), il principale nemico di Mazinga Z

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mazinkaizer SKL Anime, Manga, Novel Revealed (Updated), USA, Anime News Network, 22 aprile 2010. URL consultato il 24 giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga