Mazda MX-5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mazda MX-5
1st Mazda Miata.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Mazda
Tipo principale Roadster
Produzione dal 1989
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.995 mm
Larghezza 1.720 mm
Altezza 1.245 mm
Passo 2.270 mm
Massa 1.095 kg
Altro
Assemblaggio Hiroshima, Giappone
Auto simili Fiat Barchetta
MG F
Toyota MR2
Note La caratteristiche si
riferiscono alla 3 serie
MX5 Calanque 1.jpg

Mazda MX-5, Miata in America e nel Mondo tranne che in Giappone, dove è nota come Eunos Roadster, ("Mazda Roadster" dalla seconda generazione in poi) è una autovettura giapponese nata nel 1989 dopo circa 10 anni di studi, prodotta dalla casa automobilistica Mazda.

I primi prototipi pare risalgano alla fine degli anni settanta. Si tratta di una vettura Roadster o Spyder (convertibile con due posti secchi) leggera e molto equilibrata con uno spiccato carattere da Spider all'inglese e all'italiana.

Mazda con quest'auto vanta il guinness di spider più venduta di tutti i tempi, è infatti suo il merito di aver riscoperto una categoria di auto che alla fine degli anni ottanta pareva definitivamente morta.

Nel 2005 è entrata in produzione la terza serie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima serie[modifica | modifica sorgente]

La prima serie della MX-5, riconoscibile dalla numerazione del telaio iniziante con NA, fu svelata al Salone di Chicago il 10 febbraio 1989 ed è stata messa a disposizione per la consegna agli acquirenti in tutto il mondo nelle seguenti date: marzo 1989 in Giappone, luglio 1989 (stesso modello del 1990) negli Stati Uniti, 1990 in Europa. Un hard-top opzionale è stato messo a disposizione negli stessi tempi.

L'ispirazione della linea venne dalle piccole spider inglesi dell'epoca come la Triumph Spitfire o ancora più la Lotus Elan; l'impostazione meccanica era classica per i tempi con motore anteriore e trazione posteriore.

La carrozzeria della NA è tutta in acciaio con un leggero cofano d'alluminio. Le dimensioni totali sono: 3.970 mm (156 pollici) di lunghezza, 1675 mm (65,9 pollici) di larghezza e 1235 mm (48,6 pollici) di altezza, con un peso totale di kg 950. Il coefficiente di resistenza aerodinamica è stato indicata come 0,38. La sospensione è a doppia forcella indipendente su tutte e quattro le ruote, con una barra antirollio, nella parte anteriore e posteriore. Quattro freni a disco, ventilati nella parte anteriore, pieni al posteriore. Ruote in lega con pneumatici radiali 185/60HR14.

Questa prima versione di MX-5 è venduta con un propulsore da 1,6 L (98 cu in) doppio albero a camme in linea a quattro cilindri, montato longitudinalmente, ispirato nell'estetica al glorioso bialbero Alfa Romeo, che produce 90 kW (120 CV) e 136 Nm (100 ft lbpd) di coppia. Il motore impiega un sistema elettronico di iniezione del carburante che utilizza un sistema di tipo flussometro e un sensore albero a camme invece di un distributore. Questo motore, nome in codice B61P, era stato precedentemente utilizzato per la serie 323. Il motore è assistito da un cambio a 5 rapporti, mentre il cambio automatico (disponibile solo in Giappone e Stati Uniti) era inserito tra gli optional ma non fu molto richiesto. Questi mercati hanno avuto inoltre in optional un differenziale a slittamento limitato di tipo viscoso, anche se erano normalmente disponibili solo per le autovetture con una trasmissione manuale.

La NA può raggiungere 60 mph (97 km/h) in 9,4 secondi e ha una velocità massima di 190 km/h (120 mph). La prima generazione di Miata (spesso denominato M1) include una speciale edizione nel 1991, prodotta in British Racing Green: la prima con l'uso di interni in pelle. Sono state prodotte 1500 vetture LE (Limited Edition) nel 1993. Questo modello è caratterizzato da interni in pelle rossa, impianto stereo migliorato, pomello cambio Nardi, volante in pelle, cruise control, differenziale a slittamento limitato, finestrini elettrici, specchietti elettrici, servosterzo, aria condizionata, cerchi BBS, ammortizzatori Bilstein, spoiler anteriore e posteriore, ABS. Tutte le auto LE sono state vendute in color nero.

Nel 1994 la prima generazione di MX-5 è stata rivisitata con l'introduzione del più potente 1.8 L (110 cu in) BP-ZE, doppio airbag e, in alcuni mercati, un differenziale autobloccante. Il telaio è rimasto sostanzialmente invariato, la maggior modifica visibile è l'aggiunta di una "track bar" tra le cinture di sicurezza, all'interno dell'auto, ma sono anche stati aggiunti dei rinforzi (subframes) per la parte anteriore e posteriore. Inoltre, il 1994 è stato l'unico anno in cui Mazda ha offerto un nuovo colore light metallic blue (Laguna Blu Mica), rendendo queste auto da collezione. Il 1994 ha visto anche l'introduzione del pacchetto "R", un pacchetto sport a tema con ammortizzatori Bilstein.

Il nuovo motore 1,8 L (110 cu in) produce 98 kW (131 CV), è stato poi aumentato di 1 kW (1,36 CV) per il modello del 1996. L'auto aumenta di peso arrivando a 990 kg (2200 lb). Le performance sono state leggermente migliorate, la maggior cavalleria è in parte compensata dal peso supplementare. In alcuni mercati come l'Europa, il motore 1,6 L (98 cu in) ha continuato a essere disponibile con un più basso costo, ma è stato depotenziato a 66 kW (89 CV). Questo motore inferiore non ha ricevuto tutti gli ulteriori rinforzi al telaio del nuovo 1.8 L (110 cu in). Per le auto giapponesi e statunitensi è stato reso disponibile come optional un differenziale Torsen LSD, che è molto più durevole rispetto al precedente differenziale viscoso.

Ci sono stati un certo numero di modelli e di edizioni speciali disponibili, determinati dal marketing locale degli uffici Mazda. Negli Stati Uniti, il modello di base al momento del lancio era caratterizzato da soluzioni molto economiche, come finestrini manuali, ruote in acciaio, e senza A/C o servosterzo. Un primo pacchetto di optional venne offerto con l'adozione di servosterzo, volante in pelle, ruote in lega di alluminio e mangianastri. Un secondo pacchetto aggiungeva finestrini elettrici, controllo della velocità di crociera e altoparlanti per poggiatesta, mentre il pacchetto superiore comprendeva gli interni in pelle. Nel Regno Unito, per celebrare la vittoria della 24 ore di Le Mans, Mazda ha creato un'edizione speciale della MX-5, con i colori della vincitrice (Mazda 787B) per giunta dotato di BBR (Brodie Bretagna Racing) conversione turbo.

La prima generazione di MX-5 è stata gradualmente sostituita con il modello del 1997 (con l'eccezione di 400 vetture in edizione limitata, venduti solo nel Regno Unito nel 1998, per marcare la fine del NA).

La MazdaSpeed ha rilasciato il Touring Kit B-Spec per incrementare le prestazioni della MX-5 prima serie. Il kit comprende un'unità BP da 1,8 litri alessata per portare la cilindrata a 1929 cm³ e una valvola a farfalla a quattro stadi. La potenza di uscita viene incrementata a 192 CV, mentre la coppia massima sale a 19,8 kgm.

Seconda serie[modifica | modifica sorgente]

Mazda Mx-5 seconda serie

La seconda versione, riconoscibile dalla numerazione iniziante con NB venne posta in vendita nel 1998 con delle misure esterne leggermente modificate a 3.955 mm di lunghezza, 1.680 mm di larghezza e 1.235 mm in altezza. Il telaio è il medesimo della versione precedente rinforzato in vari punti per ottenere una maggiore rigidità. L'estetica subì numerosi cambiamenti, a partire dall'eliminazione dei fari a scomparsa, alla totale modifica delle linee della carrozzeria, nonché negli interni.

Venne anche messo in produzione un nuovo cambio a 6 marce, riservato solo a 2 serie limitate con motore 1,8l, la Miracle e la 10TH Anniversary. Il motore da 1,8 l beneficiò di un leggero aumento di potenza fino ai 140 CV, soprattutto grazie all'aumento del rapporto di compressione. Anche la velocità massima venne incrementata sino ai 197 km/h. Mentre quello di 1,6L passò dai 90 CV precedenti a 110 CV.Anche in questa versione la presenza dell'ABS era solo un optional.

Nel 2000 la Mazdaspeed rilascio una versione speciale della MX-5, denominata Roadster C-Spec. Il design della vettura era stato completamente rivisitato per migliorare l'aerodinamica ed era stato aggiunto un propulsore 2.0 da 200 cv di potenza.[1]

Nel 2001 in occasione del restyling (NB FL) venne presentata una nuova versione del motore 1,8L, sempre con medesima cilindrata ma con potenza ulteriormente aumentata grazie al VVT (Variable Valve Timing), a 155 CV per le versioni in vendita in Giappone ed Australia, a 147 CV per l'Europa e 130 CV per gli Stati Uniti dove erano in vigore limiti diversi per quanto riguarda le emissioni inquinanti. La Mazda corresse poi anche le brochure per Australia e Giappone (i CV erano sempre 147) offrendo un periodo di manutenzione gratuita. Il motore 1,6L invece rimase immutato. La carrozzeria venne rimaneggiata tramite la sostituzione dei gruppi ottici anteriori e posteriori e l'adozione di un nuovo paraurti anteriore dotato di fendinebbia. Ma è negli interni che si notano le differenze più marcate con l'adozione di nuovi sedili con il poggiatesta integrato, nuova console e tunnel centrale, nuovo volante e nuova strumentazione. Anche la scocca ricevette alcune modifiche risultando in quest'ultima versione irrigidita, soprattutto il senso torsionale.

Terza serie[modifica | modifica sorgente]

Miata terza serie, vista posteriore

La NC, versione più recente del modello è stata messa in vendita nella seconda metà del 2005 L'auto, a parte gli indicatori di direzione, non ha nulla in comune con i vecchi modelli. Carrozzeria e telaio sono completamente nuovi e danno origine ad un mix tra la coupé RX-8 (della quale condivide parte del telaio e delle sospensioni) e la prima serie della Mx5. Il risultato è una spider dalla linea filante e muscolosa, con molte rievocazioni della piccola antenata soprattutto nel posteriore.

Mx-5 terza serie

Gli interni sono stati oggetto di diverse polemiche, specie nella versione Wind, cioè quella base: plastiche a profusione di qualità più scadente della seconda serie, piuttosto rigide, facilmente graffiabili e assemblate in maniera approssimativa. Nella versione Fire invece, gli inserti in pelle si limitano praticamente a delle strisce sulle portiere con una qualità davvero discutibile. Migliorie in genere sono state invece effettuate con il restyling della terza serie del 2010, soprattutto a livello di qualità delle plastiche.

Grazie all'utilizzo di materiali particolarmente leggeri l'incremento di peso rispetto alla vecchia serie è limitato a soli 50 kg, il che fa restare anche la Mx5 3Rd Generation nella categoria delle Light Weight Spider.

Nel nuovo modello sono state abbandonate le vecchie motorizzazioni per lasciare spazio a 2 propulsori di concezione più recente: un 1,8L da 126 CV e un 2.0L da 160 CV.

Alla fine del 2006 alla versione con capote in tela è stata affiancata la Mx5 RC (Roadster coupé) dotata di tetto rigido in vetroresina che in soli 12" scompare nello stesso vano occupato abitualmente dalla capotte in tela.

Ne sono state prodotte oltre 700.000 al 2005, oltre 900.000 al 2011[2].

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Prima serie[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.6 1989 - 1993 Benzina 1600 85 kW (115 Cv) 136 - - - -
1.6 1994 - 1998 Benzina 1600 66 kW (90 Cv) - - - - -
1.8 1993 - 1995 Benzina 1800 95 kW (128 Cv) 149 - - - -
1.8 1994 - 1998 Benzina 1800 99 kW (133 Cv) - - - - -

Seconda serie[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.6 1998 - 2001 Benzina 1600 81 kW (110 Cv) 134 - - - -
1.8 1998 - 2001 Benzina 1840 101 kW (141 Cv) 161 - - - -
1.6 2001 - 2005 Benzina 1600 95 kW (128 Cv) 134 - - - -
1.8 2001 - 2005 Benzina 1840 109 kW (147 Cv) 168 - - - -

Terza serie[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.8 dal 2006 Benzina 1798 93 kW (126 Cv) 167 167 9.9 194 14.1
2.0 dal 2006 Benzina 1999 118 kW (160 Cv) 188 181 7.6 213 12.8

Versioni Speciali[modifica | modifica sorgente]

Mazda MX-5 GT Concept[modifica | modifica sorgente]

Al Festival of Speed di Goodwood del 2012, la Mazda ha presentato, in collaborazione con il Team Jota Sport, una versione stradale della MX-5 Gt4 che prende parte dal 2011 al MSA British Endurance Championship. Dedicata ai puristi della guida su pista, tale vettura, denominata MX-5 GT Concept, presenta una vistosa livrea arancione con una banda nera opaca che si estende sui larghi codolini passaruota, la fascia laterale sottoporta, la parte bassa del paraurti anteriore e posteriore e per l'hard top. L'aerodinamica è stata migliorata grazie ad un kit che prevede uno splitter anteriore,un sottile spoiler posteriore (collocato sul vano bagagli) e diffusore inferiore, il quale a sua volta circonda un nuovo impianto di scarico a doppio terminale centrale. Dal punto di vista meccanico, sono stati aggiunti nuovi kit di distanziali, sospensioni racing a molle ribassate e ammortizzatori regolabili, mentre il motore 4 cilindri da 2 litri aspirato è stato potenziato fino a 208 CV con l'introduzione di componenti alleggeriti per il gruppo termico, di una rimappatura dell'ECU centralina e al montaggio di un nuovo impianto di scarico[3].

Mazda MX-5 Super25[modifica | modifica sorgente]

Presso il Sema di Las Vegas del 2012 la Mazda ha presentato una nuova concept da competizione della MX-5, denominata Super25. La vettura presenta un assetto ribassato, numerosi fari aggiuntivi, un nuovo hard top da competizione e pneumatici da 17' BFGoodrich g-Force R1 abbinati a freni Brembo. Dall'abitacolo sono stati eliminati tutti gli elementi superflui per fare posto alla strumentazione da gara e al roll-bar di sicurezza[4].

La MX-5 nei media[modifica | modifica sorgente]

  • In ambito videoludico, la MX-5 compare nei videogiochi Twisted Metal 4 (dove, in versione Series I, viene denominata Small Car 1)[5], Auto Modellista (in versione Series I e Series II)[6][7] e Grand Theft Auto (dove la versione Series I viene denominata Roadster).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mazda MX-5 Miata: The Book of the World's Favourite Sportscar. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  2. ^ Mazda MX-5: prodotto l'esemplare numero 900.000
  3. ^ http://www.motori.it/concept/13515/mazda-mx-5-gt-concept-goodwood-2012.html Motori.it: Mazda MX-5 GT Concept a Goodwood 2012
  4. ^ http://www.motori.it/concept/14386/mazda-mx-5-super25-concept-al-sema-2012.html Motori.it:Mazda MX-5 Super25 Concept al Sema 2012
  5. ^ Mazda MX-5 'Small Car 1' Series I [NA]. URL consultato il 20 dicembre 2012.
  6. ^ 1990 Mazda MX-5 Series I [NA]. URL consultato il 26 marzo 2013.
  7. ^ 2000 Mazda MX-5 Series II [NB]. URL consultato il 26 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili