Maya Zankoul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maya Zankoul, fotografata da Toni Yammine

Maya Zankoul in arabo مايا زنقول (Hasbaya, 30 giugno 1986) è una scrittrice, artista, giornalista e artista visivo libanese. È per lo più conosciuta per il suo sarcastici cartoni animati e fumetti pubblicati nei suoi libri e il suo webcomic blog Amalgama.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maya Zankoul è cresciuta a Gedda, Arabia Saudita, e nel 2005 si è trasferita in Libano, suo paese d'origine, dove ha conseguito un Bachelor of Arts in Graphic Design nel 2007 alla Notre Dame University, Louaize. Nel 2009, ha iniziato il suo blog satirico, Amalgam, dove condivide le illustrazioni commentando la vita quotidiana in Libano da un punto di vista da un socio-politico[1]. Ha auto pubblicato il suo primo libro, Amalgama nell'estate del 2009, raggiungendo la Top 5 delle vendite al Virgin Megastore[2]. Nell'estate 2010, dopo aver visitato il Libano con la sua mostra Amalgama, ha pubblicato il suo secondo libro, Amalgam vol. 2. Collabora come illustratrice per The Global Journal, ELLE Oriental e ArabAd.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Presentazione di Maya Zankoul al Primo Salone Creative Commons di Beirut.

Maya Zankoul partecipa attivamente come graphic designer in eventi locali e regionali. Ha fatto illustrazioni dal vivo presso la conferenza Arabnet(2010[3] e al diciassettesimo Salone del Libro Francofono di Beirut[4]. Ha insegnato presso l'Università americana di Beirut[5] e ha presentato il suo lavoro alla Prima del Creative Commons Salon ad Amman, in Giordania[6]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • "Amalgama" (2009, 2010), Istituto di Cultura francese (Beirut, Saida, Tripoli, Deir el Qamar and Zahle centers)[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lebanon news - NOW Lebanon -Talking To: Blogger Maya Zankoul
  2. ^ a b Lebanon news - NOW Lebanon -Expo: "Amalgame" de Maya Zankoul au CCF
  3. ^ Arab Net 2010 has achieved its goal - Zawya
  4. ^ 17e Salon du Livre Francophone de Beyrouth.
  5. ^ http://www.aub.edu.lb/news/dynamic/100962.html
  6. ^ "Creative Commons Arab Salon celebrates open culture in the Middle East".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Articoli e interviste[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]