Maximilien Misson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

François Maximilien Misson (1650? – 1722) è stato uno scrittore e viaggiatore francese.

In seguito alla revoca dell'Editto di Nantes, avvenuta con l'editto di Fontainebleau, le sue cariche al Parlamento di Parigi vennero revocate così come gli furono confiscati i beni. Più tardi lasciò il paese natio preferendo una regione riformata d'Europa dove cercò di ricostruirsi una posizione economica e sociale. Ottenne la carica di precettore di un aristocratico inglese. Il nobile e Misson, visitarono l'Italia durante il tour di formazione sul continente (1687); in questi anni, Maximilien, scrisse Nouveau Voyage d'Italie[1], stampato nel 1691 e tradotto in tre lingue: inglese, tedesco e olandese, che per decenni è stata tra le più consultate guide per viaggiatori[2], specialmente nel XVIII secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Misson, Maximilien (1702), Nouveau voyage d'Italie: avec un mémoire contenant des avis utiles à ceux qui voudront faire le mesme voyage, La Haye: Henri van Bulderen, 4ª ed., 1702.
  2. ^ Spence, Craig, Misson, Francis Maximilian (formerly François Maximilien) (c.1650–1722) in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press [2004], 2008.

Controllo di autorità VIAF: 19681626 LCCN: n82144564

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie