Maxim (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maxim
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità mensile
Genere stampa nazionale
Formato magazine
Fondazione 1985
Sede Milano
Editore P.E.I Srl
Sito web http://www.maximitaly.com
 

Maxim è una rivista mensile lifestyle maschile, con sede centrale negli USA. Con un indice di vendita superiore ai 2,5 milioni di copie (negli Stati Uniti), Maxim è considerata una delle riviste del settore più celebri, al pari di GQ ed Esquire.

Con più di 30 edizioni pubblicate in oltre 80 nazioni, è anche uno dei mensili più diffusi al mondo.

Espansione in altri settori[modifica | modifica wikitesto]

Jessica Simpson mostra una copia della rivista

Dopo l'enorme successo ottenuto con la rivista, i creatori di Maxim hanno optato per l'espansione in altri settori, come l'intrattenimento radiofonico, televisivo.

Il canale radiofonico di Maxim è stato creato il 5 febbraio 2005, il nome è Maxim Radio, ed è disponibile su Sirius Satellite Radio.

Fu anche messa in cantiere la costruzione di un casinò, la cui collocazione sarebbe stata a nord di Circus Circus, in Las Vegas Strip. Il progetto fu annunciato il 5 giugno 2006, ma il piano fu annullato per via di alcuni problemi sorti con vicini proprietari e condomini, che denunciarono la possibile rovina della zona con altri progetti edilizi. Il terreno comperato per il casinò è stato poi venduto all'azienda MGM Mirage.[1]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Maxim è edito in Italia dal luglio 1998, con sede amministrativa a Milano. L'edizione italiana si concentra su argomenti di intrattenimento quali musica, cinema, giochi, internet, tecnologia, sport e la celebrazione delle donne più belle del mondo. Nel 2008 il taglio editoriale è diventato sempre più rivolto anche all'approfondimento di curiosità per un target maschile. Grazie al nuovo art director Andrea Minoia nel 2012 la rivista acquista una nuova veste grafica.

Tra le ultime ragazze copertina della rivista ci sono state Elisha Cuthbert, Avril Lavigne, Francesca Lodo, Elena Santarelli , Michela Quattrociocche e Costanza Caracciolo. Tra i personaggi intervistati Kimi Raikkonen, Liv Tyler, Danilo Gallinari, Yao Ming, Troy Bayliss e Ashley Tisdale. Tra le modelle fotografate vi fu pure il Ministro per le Pari Opportunità del Governo Berlusconi IV, Mara Carfagna.

100 Most Beautiful Women in the World: Maxim Hot 100[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vincitrice Età Immagine Note
2000 Estella Warren Canada   22
Estella Warren.jpg
Prima donna non statunitense a vincere il premio
2001 Jessica Alba Stati Uniti   21
Jessica Alba 2011.jpg
Prima donna statunitense a vincere il premio.
2002 Jennifer Garner Stati Uniti   30
Jennifer Garner TIFF 2, 2011.jpg
Prima donna ultratrentenne a vincere il premio
2003 Christina Aguilera Stati Uniti   23
Christina Aguilera (2006).jpg
Prima cantante a vincere il premio
2004 Jessica Simpson Stati Uniti   24
Jessica Simpson crop.jpg
2005 Eva Longoria Stati Uniti   30
Actress Eva Longoria.jpg
Prima donna latina a vincere il premio
2006 Eva Longoria Stati Uniti   31
Eva Longoria @ Festival Internacional de Cine en Guadalajara 02 cropped.jpg
Prima donna a vincere il premio due volte. Vincitrice meno giovane
2007 Lindsay Lohan Stati Uniti   21
Actress Lindsay Lohan.jpg
2008 Marisa Miller Stati Uniti   30
Marisa Miller at the Mirage Portrait.JPG
2009 Olivia Wilde Stati Uniti   25
Olivia Wilde crop.jpg
2010 Katy Perry Stati Uniti   26 
Katy Perry at TV Week Logie Awards 2011 - 1.jpg
2011 Rosie Huntington-Whiteley Regno Unito   24
Rosie Huntington-Whiteley C&R 11.jpg
Prima donna europea a vincere il premio
2012 Bar Refaeli Israele   27
Bar Refaeli 2011.jpg
Prima donna asiatica a vincere il premio
2013 Miley Cyrus Stati Uniti   21
MileyCyrusApr09.jpg
Vincitrice più giovane

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Howard Stuts, MGM buys parcels for news center in Las Vegas Review-Journal, 19 aprile 2007, p. A1-A8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria