Max Thurian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Max Thurian (Ginevra, 16 agosto 1921Ginevra, 15 agosto 1996) è stato un monaco svizzero, cofondatore e vice priore della comunità di Taizé.

Di religione protestante, fu, assieme a frère Roger, relatore, in quanto teologo dell'ecumenismo, al Concilio Vaticano Secondo. Auspicava che la Comunità di Taizé, di natura prevalentemente protestante, aderisse alla Chiesa cattolica.

Aderì alla Chiesa cattolica e il 3 maggio 1987[1] fu ordinato presbitero dal cardinale Corrado Ursi, arcivescovo di Napoli. Il 30 settembre 1992 fu nominato da Giovanni Paolo II membro della Commissione Teologica Internazionale.

La sua vita fu dedicata ai temi ecumenici, condivisa con i fratelli della comunità di Taizè che al momento del suo abbandono chiesero ed ottennero che tornasse ogni tanto alla comunità e che alla sua morte si facesse seppellire nel piccolo cimitero della chiesa romanica di Taizé.

Oggi riposa a pochi passi dalla tomba del confratello Roger.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ma la notiza dell'ordinazione fu resa pubblica solo l'11 maggio 1988 (fonte)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17230219 LCCN: n50011896