Max Steel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo della linea Max Steel

Max Steel è una linea di action figures prodotta dalla Mattel a partire dal 1999. Molto simile alla coeva linea Action Man della Hasbro, è quasi interamente costituita da versioni diverse di Max Steel, il personaggio principale, uno o due dei suoi nemici, un paio di veicoli e due o tre pacchetti speciali.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Max Steel era in origine una action figure da 12" (la medesima altezza di Barbie e di G.I. Joe), con braccia e gambe snodabili, e "vestibile", cioè con abiti in stoffa che potevano essere cambiati, e quindi accessoriato di completi alternativi militari, d'avventura o sportivi. Gli abiti non erano collegati alla serie televisiva e questo tipo di accessori non lo rendevano molto dissimile dall'action figure storica di casa Mattel prodotta tra gli anni settanta e ottanta, di cui Max Steel rappresenta in un certo senso l'erede, cioè Big Jim. Questa prima versione di Max Steel era inoltre calata in una tematica d'azione, spionistica con sfumature fantascientifiche, che lo contrapponeva ad alcuni nemici.

Attualmente è invece una action figure di dimensioni ridotte a circa la metà: 6" (cioè 16cm), meno snodabile, non "vestibile", cioè realizzato in un unico stampo che comprende una tuta integrale, e calato in una tematica completamente fantascientifica, corredato di accessori e veicoli, e contrapposto a una serie di nemici non umani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima linea di giocattoli è stata lanciata sul mercato nel 1999, poco tempo prima dell'inizio delle trasmissioni della serie televisiva, ed ogni nuovo personaggio, arma o veicolo distribuito, faceva una breve apparizione anche nella serie televisiva. Soltanto alcune delle prime versioni di Max Steel e dei suoi costumi erano slegate dalle controparti animate, ed erano maggiormente simili ai giocattoli degli anni settanta ed ottanta come Big Jim. La prima action figure di Max Steel ad indossare lo stesso costume di quello presente nella serie televisiva è stato il modello "Going Turbo!", distribuito l'anno successivo al debutto della serie Max Steel[1].

Benché poco conosciuto negli Stati Uniti, Max Steel è uno dei prodotti di maggior successo commerciale della Mattel. I personaggi della linea di giocattoli sono infatti protagonisti di due serie televisive animate (Max Steel, trasmessa dal 25 febbraio 2000 al 15 gennaio 2002, e Max Steel, trasmessa dal 25 marzo 2013); una serie di lungometraggi (Endangered Species, Forces of Nature, Countdown, Dark Rival, Bio Crisis, Mutant Menace, The Toxic Legion, Makino's Revenge e Montrous Alliance); due videogiochi per Dreamcast (Max Steel: Covert Missions e Rise of Elementor) e un film live action annunciato per il 2011[2], ed in cui inizialmente era prevista la presenza di Taylor Lautner nel ruolo del protagonista[3][4], che a marzo 2010 ha però annunciato la propria rinuncia.[5]

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Crawford's Review of the Week
  2. ^ (EN) Max Steel in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  3. ^ Paramount To Make Max Steel Movie | /Film
  4. ^ Tatiana Siegel, Taylor Lautner to star in 'Max Steel', 4 dicembre 2009.
  5. ^ Vulture Exclusive: Taylor Lautner Drops Mattel’s Max Steel to Make Hasbro’s Stretch Armstrong - Vulture

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]