Max Nordau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Simon Nordau

Max Simon Nordau, nato Simon Maximilian Südfeld (in ungherese: Simon Miksa Südfeld; Pest, 29 luglio 1849Parigi, 23 gennaio 1923), è stato un sociologo, medico, giornalista e leader sionista ungherese. Cofondatore, insieme a Theodor Herzl, della Organizzazione sionista mondiale, è stato presidente o vicepresidente di numerosi congressi sionisti.

Come sociologo, scrisse numerosi libri oggetto di discussione, fra cui Le menzogne convenzionali della nostra civiltà, Degenerazione, e Paradoxe. Oltre alle convenzioni religiose condannò quelle politiche e morali dei suoi tempi.

« *Dio è il nome che dall'inizio dei tempi fino ai giorni nostri gli uomini hanno dato alla loro ignoranza. (da Biologie der Ethik) »

Il suo libro più citato oggi, sebbene non fosse tra i più apprezzati quando era in vita, è Degenerazione.

A Max Nordau Cesare Lombroso dedicò il suo L'uomo delinquente.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Le menzogne convenzionali della nostra civiltà (Die conventionellen Lügen der Kulturmenschheit, 1883).
  • Paradoxe (1885).
  • Degenerazione (Entartung, 1892).
  • Il senso della storia, Milano, M&B Publishing. ISBN 88-86083-58-0.
Copertina di Le menzogne convenzionali delle nostre civiltà Edizioni Mandella.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64037479 LCCN: n50082108