Max Kalbeck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Kalbeck

Max Kalbeck (Breslavia, 4 gennaio 1850Vienna, 4 maggio 1921) è stato un poeta, scrittore e critico musicale tedesco.

Kalbeck ha studiato musica a Monaco di Baviera.

È stato giornalista e critico musicale di vari quotidiani e riviste e dal 1866 assunse questo ruolo nel Neue Wiener Tageblatt.

Nel 1875 divenne il critico musicale del Schlesische Zeitung e direttore del Breslau Museum.

Nel 1880 si recò a Vienna per assumere il ruolo di giornalista del Allgemeine Zeitung.

Riuscì a divenire uno dei critici musicali più influenti in Austria

Fu uno degli oppositori di Richard Wagner e dei suoi seguaci e appoggiò la linea artistica di Brahms.

Fu anche un buon poeta e lo stesso Brahms utilizzò molti suoi versi nelle sue opere.

Inoltre scrisse anche alcuni libretti per le operette, come ad esempio Jabuka, di Johann Strauss jr (1894).

Tra le sue pubblicazioni, annoveriamo: Wiener Opernabende, Humoresken und Phantasien, una mastodontica biografia di Brahms in quattro volumi; curò anche l'epistolario di Brahms e tradusse vari libretti in tedesco.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Dizionario di musica", di A.Della Corte e G.M.Gatti, Paravia, 1956,pag.317

Controllo di autorità VIAF: 32103304 LCCN: n85031766

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie