Max Bunker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Max Bunker, pseudonimo di Luciano Secchi (Milano, 24 agosto 1939), è un fumettista, scrittore, editore e giornalista italiano.

Noto al grande pubblico per essere il padre di Alan Ford, è stato uno dei più prolifici autori di fumetti italiani tra gli anni sessanta e gli anni ottanta. In coppia con il disegnatore Magnus ha creato dei classici del fumetto nero italiano come Kriminal, Satanik e del fumetto comico e grottesco come Maxmagnus e, naturalmente, Alan Ford. Come giornalista, ha fondato e diretto la rivista di fumetti Eureka. Nella sua produzione è comunque possibile trovare quasi tutti i generi: dal poliziesco (Daniel; Kerry Kross) allo spionistico (Dennis Cobb - Agente SS018), dalla fantascienza (Atomik; Cliff) al fanta-erotico (Gesebel), dal western (Maschera Nera; El Gringo) allo storico (Fouché).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera "ufficiale" inizia con le storie di Maschera Nera, personaggio da lui creato nel 1962 assieme al disegnatore Paolo Piffarerio, per la (allora) piccola casa editrice milanese Corno.

Pur giovanissimo, si dimostra subito uno scrittore poliedrico, prolifico e capace di cogliere le mode del momento (e in taluni casi, di influenzarle). Infatti, contemporaneamente al genere western, si cimenta anche in quello fantascientifico con Atomik, sempre coadiuvato dalle matite di Paolo Piffarerio, col quale in darà vita anche a El Gringo (1965), un personaggio western la cui avventura editoriale durerà 35 numeri, e a Milord (1968), un ladro gentiluomo londinese, che avrà anch'esso breve vita (10 numeri).

In questo periodo Bunker esplora anche il genere "tarzanide" con Kim della Jungla, e quello di cappa e spada con Primula Verde, rimasti comunque personaggi secondari.

Nel 1964, cavalcando l'onda dei "fumetti neri", iniziata con Diabolik, crea, assieme al disegnatore Magnus (al secolo Roberto Raviola), due personaggi d'eccezione: Satanik e Kriminal, ponendo le basi del successo della Editoriale Corno, della quale Secchi, nel giro di pochi anni, diventerà direttore editoriale (e poi direttore responsabile).

Sebbene alle sue prime esperienze (in precedenza aveva pubblicato solo tre strisce de "Il dottor Kastener" e poco altro), Magnus si dimostrò un eccellente artista, e per un decennio si svilupperà un validissimo sodalizio tra lui e Max Bunker. Da allora i due sfornarono infatti altri personaggi di successo, come Dennis Cobb - Agente SS018, ma soprattutto continuarono a percorrere i generi "alternativi", che tanti grattacapi diedero alla Corno per via della censura dell'epoca. Oltre alla violenza e all'horror introdotto in Satanik e Kriminal, si aggiunse l'elemento erotico in Gesebel. In tutte le opere della coppia, comunque, l'elemento che più tentava di trasparire, e che li differenziava nettamente dagli omologhi di genere ai quali si ispiravano, era il gusto per il grottesco, per il caricaturale e beffardo, per la feroce satira, oltre che per quel cinico realismo nel rappresentare le miserie umane. Questi elementi divennero palesi con le loro più importanti creazioni: Maxmagnus prima e Alan Ford subito dopo. Nel 1975, comunque, dopo 75 storie di Alan Ford, il sodalizio si rompe e Magnus passa ad altri lidi, tornando brevemente per festeggiare il n. 200 della serie medesima.

Nel novembre 1967 Secchi fonda Eureka, rivista antologica di straordinario successo (questa incarnazione termina alla fine del 1984, assieme alla Corno), che ha avuto il merito di portare a conoscenza del grande pubblico personaggi quali The Spirit di Will Eisner, Andy Capp, o gli italiani Sturmtruppen e Lupo Alberto, oltre alle sue co-creazioni come Maxmagnus e Alan Ford.

Sempre a lui si deve l'arrivo in Italia dei supereroi di Stan Lee quali l'Uomo Ragno (apparso nelle edicole italiane il 30 aprile 1970), l'Incredibile Devil e via via tutti gli altri, dai Fantastici Quattro a Hulk, da Thor ai Vendicatori, da Capitan America ad Iron Man, dagli X-Men a Namor.

Della produzione letteraria di Max Bunker, firmata con il vero nome Luciano Secchi, ricordiamo i romanzi gialli di Riccardo Finzi (Agenzia Investigativa Riccardo Finzi, Un sano delitto di gelosia, Fotofinish) dal primo dei quali fu tratto il film Agenzia Riccardo Finzi... praticamente detective di Sergio Corbucci, con Renato Pozzetto. Nella produzione di Max Bunker c'è anche la regia di un film intitolato Delitti, amore e gelosia del 1982, con Saverio Marconi e Fiorenza Marchegiani. Tra le numerose opere di Max Bunker/Luciano Secchi è poco conosciuta l'antologia Il Virus e altri racconti, interessante raccolta di racconti di fantascienza pubblicata dall'Editoriale Corno nel novembre 1970.

Chiusa l'esperienza editoriale della Corno, fonda la Max Bunker Press (MBP), per la quale continua a pubblicare, proponendo anche varie ristampe, i personaggi che l'hanno reso celebre, assieme a soggetti di nuova ideazione, quali Angel Dark (1990), Kerry Kross (1994), Beverly Kerr (2000) e Padre Kimberly (2001).

La MBP riapre anche i battenti di Eureka, che, pur con una storia travagliata e numerosi spin-off, e senza mai recuperare i fasti del passato, che presenta fra l'altro le strisce sindacate dell'Uomo Ragno e Hulk (apparse su Eureka Avventura Classic). A tal proposito va menzionata la raccolta, pressoché unica nel suo genere, delle strisce dell'Uomo Ragno edite dal 3 gennaio 1977 al 15 aprile 1983, sulla collana di 14 numeri dal titolo Uomo Ragno Graphic Novel Strips.

La MBP pubblica anche le riviste "di lusso" Bhang (16 numeri) e SuperComics (29 numeri), contenenti per lo più graphic novel della Marvel Comics e miniserie di altri editori americani.

Nel 2012, dopo un lungo periodo di crisi, la MBP è costretta a sospendere tutte le pubblicazioni e a chiudere i battenti. L'unica creatura di Max Bunker a sopravvivere a questa chiusura è Alan Ford, che continua la sua vita editoriale sotto l'egida della 1000 volte meglio edizioni, di proprietà della figlia di Bunker, Raffaella.

Elenco completo dei personaggi creati[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di quanto generalmente si crede, i supereroi Marvel non fecero la loro prima apparizione assoluta con il n. 1 dell'Uomo Ragno dell'Editoriale Corno diretta dallo stesso Luciano Secchi alias Max Bunker, ma fecero una fugace apparizione qualche anno prima, su testate concorrenti.

Sono note:

  • le due apparizioni dei Fantastici Quattro sulla rivista "concorrente" Linus della Milano Libri.
    • Linus Estate, supplemento al n. 15 di Linus del giugno 1966, con le prime due storie tratte da "Fantastic Four" n. 1 (poi ripubblicate dalla Corno).
    • ProvoLinus, supplemento a Linus del 23 febbraio 1967, con una storia dei Fantastici Quattro, intitolata "Prigionieri del Dottor Fato!" (memorabile per la traduzione del nome di Doctor Doom, poi ripubblicata dalla Corno in un contesto cronologico sull'albo omonimo, n.3, dove il villain venne definitivamente ribattezzato Dottor Destino).
  • La testata Il sergente Fury e i suoi commandos, edita dalla casa editrice Le Maschere. Durata 13 numeri, a partire dall'ottobre 1966, conteneva storie tratte da "Sergent Fury And His Howling Commandos" (1963) e da "Kid Colt" (a partire dal n. 5).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 30346963 LCCN: n79095625