Max Aub

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Max Aub (Parigi, 2 giugno 1903Città del Messico, 23 luglio 1972) è stato uno scrittore spagnolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque da padre tedesco e madre francese, cosa molto particolare dato che a quei tempi Francia e Germania erano coinvolte da una profonda rivalità politico-militare. Allo scoppio della Prima guerra mondiale, nel 1914, si stabilì con la famiglia in Spagna, per l'esattezza a Valencia, decidendo in seguito di acquisire la cittadinanza iberica.

Nel 1927 si laureò in letteratura europea, mentre tra il 1935 e il 1936 diresse il teatro universitario "El búho" (Il gufo) segnalandosi tra i giovani scrittori vicini alla "Revista de Occidente" di José Ortega y Gasset. Durante la guerra civile spagnola collaborò con André Malraux alla sceneggiatura del film Sierra de Teruel, che poi venne distribuito clandestinamente nel 1938. Schieratosi con i repubblicani (Aub apparteneva al Partito Socialista Operaio Spagnolo), per non farsi catturare dai seguaci di Francisco Franco andò in esilio dapprima in Francia, mentre nel 1942 si trasferì definitivamente in Messico, dove pubblicò la parte più significativa della sua opera letteraria.

Le sue opere giovanili furono caratterizzate da un gusto estetizzante e avanguardista in linea con la sua personalità bizzarra e ribelle, mentre nelle opere della maturità si denota un grande realismo condito dal forte impegno nell'ambito socio-politico dello stesso autore.

Ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Alla fine degli anni Sessanta fece un breve soggiorno in Spagna. L'esperienza lo intristì perché gli diede la consapevolezza di essere completamente sconosciuto in patria: manifestò la sua amarezza nell'opera autobiografica La gallina ciega, diario español (1971). La sua narrativa comprende i romanzi a sfondo autobiografico del ciclo Il labirinto magico (1946-1968), numerose raccolte di racconti e la biografia immaginaria di un pittore inesistente contemporaneo di Pablo Picasso, "Jusep Torres Campalans" (1958).

Scrisse anche poesie, numerosi testi per il teatro e un'elegia drammatica dedicata al comandante Ernesto Che Guevara, L'accerchiamento (1968), nella quale il medico argentino viene raffigurato come un eroe romantico e generoso che si trova in un contesto indegno di lui.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • El rapto de Europa o Siempre se puede hacer algo. México: Tezontle, 1946.
  • Tres monólogos y uno solo verdadero. México: Tezontle, 1952.
  • No. México: Tezontle, 1952.
  • Jusep Torres Campanals. Milano: Mondadori, 1963.
  • Mis páginas mejores. Madrid: Gredos, 1966.Cátedra, 1985.
  • La calle de Valverde. Barcelona: Seix Barral, 1970.
  • Vida y obra de Luis Álvarez Petreña. Barcelona: Seix Barral, 1971.
  • Antología traducida. Barcelona: Seix Barral, 1972.
  • Manual de Historia de la Literatura Española. Madrid: Akal, 1974.
  • Conversaciones con Buñuel. Madrid: Aguilar, 1985.
  • El teatro español sacado... Segorbe: Archivo-Biblioteca, 1993.
  • Fábula verde. Segorbe: Ayuntamiento, 1993.
  • Las buenas intenciones. Madrid: Alianza, 1993.
  • Enero sin nombre... Barcelona: Alba, 1994.
  • La gallina ciega: diario español. Barcelona: Alba, 1995.
  • Barcellona brucia. Roma: Editori Reuniti, 1996.
  • Crímenes ejemplares. Madrid: Calambur, 1996.
  • Campo cerrado. Madrid: Alfaguara, 1997.
  • Campo de sangre. Madrid: Alfaguara, 1997.
  • Campo de almendros. Madrid: Alfaguara, 1998.
  • San Juan: (tragedia). Valencia: Pre-Textos, 1998.
  • De Max a Unamuno: (dos homenajes). Segorbe: Fundación Max Aub, 1998.
  • Diarios (1939-1972). Barcelona: Alba, 1998.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 9842306 LCCN: n79077301

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie