Maurizio Milani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Quello che i tuoi genitori hanno risparmiato e costruito con parsimonia in una vita di lavoro, tu glielo puoi mangiare fuori in un anno.
Se ti impegni anche meno»

Maurizio Milani, pseudonimo di Carlo Barcellesi (Codogno, 20 maggio 1961[1]), è un comico, scrittore, attore teatrale e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Consegue il diploma di perito agrario presso l'"Istituto Tecnico Agrario Statale Tosi" della sua città natale. All'età di ventidue anni comincia a lavorare come rappresentante di modulistica per enti pubblici.

Esordisce come comico al cabaret Zelig di Milano nel 1987, e comincia a lavorare in televisione verso la metà degli anni ottanta, nel programma comico di Italia 1, Drive In. A partire dalle sue apparizioni nel trasmissione satirica Su la testa! (Raitre, 1993), Milani delinea il suo personaggio di uomo di strada, cinico e disincantato eppure profondamente umano, impegnato in mille lavori, spesso poco onesti, in problemi di tossicodipendenza, e in una girandola di tira e molla sentimentali. I suoi monologhi si distinguono per un'ironia caustica e sottile, la quale, pur rappresentando la realtà in tono surreale, offre di essa una lucida quanto dissacrante interpretazione. Dal 2003 al 2008 partecipa come ospite fisso alla trasmissione di Raitre, Che tempo che fa, condotta da Fabio Fazio.

Molto attivo anche come autore di libri satirici, tra le sue pubblicazioni si ricordano Un uomo da badile, edito nel 1996 da Baldini e Castoldi, e Del perché l'economia africana non è mai decollata, edito nel 2007 da Kowalski. Nel 2005 vince il premio "Satira Politica Forte Dei Marmi" nella sezione "Cabaret".

Scrive sui quotidiani Il Foglio e La Repubblica, e collabora con il mensile Max.

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992, Un uomo da badile
  • 1993, Piacenza[2]
  • 1995, Animale da fosso
  • 1995, Il Circo di Paolo Rossi
  • 1998, Il pubblico all'uscita si lamenta

Trasmissioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo altre fonti l'anno di nascita sarebbe il 1959.
  2. ^ Locandina della stagione '93-'94.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994, Animale da fosso, Bompiani
  • 1996, Un uomo da badile, Baldini&Castoldi
  • 1998, Vantarsi, bere liquori, illudere la donna, Baldini&Castoldi
  • 2003, La donna quando non capisce s'innamora, Kowalski
  • 2005, In amore la donna vuol tribolare, Kowalski
  • 2006, L'uomo che pesava i cani, Kowalski
  • 2007, Del perché l'economia africana non è mai decollata, Kowalski
  • 2010, Mi sono iscritto nel registro degli indagati, Rizzoli
  • 2011, Chi ha ciulato la Corrente del Golfo?, Aliberti
  • 2012, Fidanzarsi non conviene, Barbera
  • 2013, Uomini che piangono per niente, Rizzoli

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]