Mauritia flexuosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Burití
Mauritia.jpg
Mauritia flexuosa
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Arecales
Famiglia Arecaceae
Sottofamiglia Calamoideae
Tribù Lepidocaryeae
Genere Mauritia
Specie M. flexuosa
Nomenclatura binomiale
Mauritia flexuosa
L.f., 1782
Sinonimi

Mauritia minor
Burret
Mauritia setigera
Griseb. & H.Wendl.
Mauritia vinifera
Mart.
Mauritia sagus
Schult. & Schult.f.
Mauritia sphaerocarpa
Burret
Saguerus americanus
H.Wendl.

Il burití (Mauritia flexuosa L.f., 1782), anche detta moriche, canangucha, mirití o aguaje, è una pianta della famiglia delle Arecaceae, diffusa in America centrale e Sud America.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una palma con tronco di altezza variabile tra i 20 e i 35 m e un diametro di 3-4 dm, di colore caffè chiaro.

La corona è formata da 11-14 foglie di 2,5 m di lunghezza, nelle cui ampie ascelle si formano raccolte di acqua piovana (fitotelmi).

L'infiorescenza è costituita da un peduncolo di 1 m e rachide di 1,5 m di lunghezza. I grappoli hanno più di mille frutti, ognuno di 5-7 cm di lunghezza e 4,5-5 cm. di diametro, di colore rosso scuro o violetto, con mesocarpo carnoso arancione o giallo e seme color marrone.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È ampiamente distribuito in Centro America e Sud America (Bolivia, Brasile, Perù, Ecuador, Colombia, Guyana, Venezuela, Suriname, Trinidad & Tobago) ed è associato ad aree inondate.[senza fonte]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Questa palma occupa un posto importante nelle catena alimentare dei boschi tropicali in quanto rappresenta un alimento importante per diverse specie di mammiferi come il paca (Cuniculus paca), il pecari dal collare (Tayassu tajacu), il pecari labiato (Tayassu pecari), il tapiro sudamericano (Tapirus terrestris) e di numerose specie di uccelli tra cui l'ara gialloblu (Ara ararauna) e l'ara panciarossa (Orthopsittaca manilata). Le larve del punteruolo nero delle palme (Rhynchophorus palmarum) compiono il loro ciclo vitale all'interno dei fusti di M. flexuosa[2]

I fitotelmi che si formano nelle ascelle foliari ospitano una ampia comunità di invertebrati.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mauritia flexuosa in The Plant List. URL consultato il 30 giugno 2013.
  2. ^ Aguaje. La maravillosa palmera de la Amazonía, Instituto de Investigaciones de la Amazonía Peruana, 2006.
  3. ^ Ulisses Gaspar Neiss, Estrutura da comunidade de macroinvertebrados aquáticos associados a Mauritia flexuosa Linnaeus (Arecaceae), fitotelmata, na Amazônia Central, Brasil. URL consultato il 30 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica