Matto dell'imbecille

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
b8 cavallo del nero
c8 alfiere del nero
e8 re del nero
f8 alfiere del nero
g8 cavallo del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
b7 pedone del nero
c7 pedone del nero
d7 pedone del nero
f7 pedone del nero
g7 pedone del nero
h7 pedone del nero
e5 pedone del nero
g4 pedone del bianco
h4 donna del nero
f3 pedone del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
c2 pedone del bianco
d2 pedone del bianco
e2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
b1 cavallo del bianco
c1 alfiere del bianco
d1 donna del bianco
e1 re del bianco
f1 alfiere del bianco
g1 cavallo del bianco
h1 torre del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Il matto dell'imbecille

Il matto dell'imbecille, conosciuto anche come matto dello stolto, è una trappola d'apertura scacchistica, e consiste nello scacco matto più veloce possibile nel gioco degli scacchi. Consiste nella sequenza di mosse (in notazione algebrica) 1.f3 e5 2.g4 Dh4#, che porta alla posizione mostrata.

Vi sono alcune leggere varianti di questo schema — il Bianco potrebbe giocare f4 anziché f3 o muovere il pedone g prima del pedone f, e il Nero potrebbe giocare e6 anziché e5.

Anche tra i principianti, questo schema di matto non compare praticamente mai, ma è notevole per essere la più breve partita che termini con lo scacco matto. Ci sono talvolta partite più brevi nel mondo professionale quando un giocatore si ritira, accetta la patta, o perde la partita per non essersi presentato.

Più in generale, l'espressione matto dell'imbecille si riferisce anche ad altri schemi di matto simili durante l'apertura; per esempio, 1.e4 g5 2.Cc3 f6 3.Dh5# - è mantenuta l'idea del matto dell'imbecille: il nero avanza i suoi pedoni f e g, consentendo il matto di Donna lungo la diagonale lasciata libera. Un matto di questo tipo fu giocato tra Mayfield e Trinks (o Masefield e Trinka secondo alcune fonti) nel 1959 e durò solo 3 mosse: 1.e4 g5 2.Cc3 f5 3.Dh5#.

Lo stesso tipo di matto può anche capitare più tardi durante la partita. Vi è, per esempio, una nota trappola nella difesa olandese: 1.d4 f5 2.Ag5 h6 3.Ah4 g5 4.Ag3 f4; sembrerebbe che il nero stia per guadagnare un alfiere, ma ora segue 5.e3 (minacciando Dh5#, un matto simile a quello dell'imbecille) 5...h5 6.Ad3?! (6.Ae2 è forse meglio, ma questa mossa imposta una trappola) 6...Th6? (difendendosi da Ag6#, ma...) 7.Dxh5+! Txh5 8.Ag6#.

Ancora più in generale, il termine "matto dell'imbecille" è utilizzato nelle scacchi eterodossi per il matto più breve possibile, specialmente se viene utilizzato uno schema che assomiglia a quello del matto dell'imbecille negli scacchi ortodossi. Il matto dell'imbecille negli scacchi progressivi, per esempio, è 1.e4 2.f6 g5 3.Dh5#.

scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi