Matto del corridoio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
g8 re del nero
f7 pedone del nero
g7 pedone del nero
h7 pedone del nero
a1 torre del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Il Bianco dà un matto del corridoio con 1.Ta8#.

Negli scacchi, il matto del corridoio è uno scacco matto provocato da una torre o da una donna sull'ultima traversa, in cui le case di fuga del re che subisce il matto sono bloccate dai propri pezzi. Generalmente, il matto del corridoio è perpetrato ai danni di un arrocco corto, quando i pedoni f, g ed h non sono stati mossi.

I matti del corridoio non sono frequenti ad alto livello di gioco, sebbene la possibilità di subirli influenzi il gioco: spesso la difesa consiste semplicemente nel mantenere una torre o una donna sull'ultima traversa, in modo da impedire lo scacco matto; questo metodo può essere però inefficace a causa di sacrifici che rimuovano il difensore. Un altro metodo di difesa, applicato in diverse aperture, consiste nell'avanzare uno dei pedoni di fronte al re (generalmente giocando h3 oppure g3 - rispettivamente ...h6 oppure ...g6 per il Nero).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi