Matteo Perez d'Aleccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Matteo Perez d'Aleccio, conosciuto anche come Matteo da Lecce (Alezio, 1547Lima, 1616), è stato un pittore e incisore italiano di soggetti storici, devozionali e marittimi.

L'assedio di Malta - Cattura del forte di S.Elmo

Poco meno che ventenne, Matteo lascia il Salento e si trasferisce a Roma dove diventa allievo di Michelangelo, allora impegnato negli affreschi della Cappella Sistina in Vaticano. All'interno della Cappella sono visibili un Sant'Antonio circondato dai demoni e la Disputa sul corpo di Mosè dipinti da lui.
Nel 1573 entra a far parte dell'Accademia di San Luca e lavora per due papi: Pio V (1566-1572) e Gregorio XIII (1572-1585). Suoi sono anche alcuni affreschi nella Villa d'Este a Tivoli,a Villa Mondragone a Frascati e il ciclo di affreschi dell'abside della Chiesa Raffaellesca di Sant'Eligio degli Orefici a Roma.

L'assedio di Malta - Battaglia con i Turchi

Nel 1576 lascia Roma e, durante una breve pausa a Napoli, incontra Pablo Moron che diventerà il suo perenne assistente. Sbarca poi a Malta dipingendo fra il 1575 e il 1581 tredici affreschi sul grande assedio di Malta, avvenuto nel maggio 1565 ad opera delle truppe turche di Solimano il Magnifico. Gli affreschi si trovano nella Sala di San Michele e San Giorgio, conosciuta anche come Sala del Trono, nel Palazzo del Gran Maestro a La Valletta. A Matteo d'Aleccio e a questi affreschi si attribuisce l'introduzione del manierismo a Malta.
Assieme agli affreschi, Matteo dipinse a olio su tela le stesse scene,uattro di queste tele vennero ritrovate nella Cube Room della Queen's House di Greenwich; ma anche la grande tela del Battesimo di Cristo per l'abside della Chiesa Conventuale di san Giovanni Battista a La Valletta, oggi Co-cattedrale; la pala d'altare con la raffigurazione del Naufragio di san Paolo a Malta nell'omonima chiesa sempre a La Valletta.


Attorno al 1580 Matteo Perez si sposta a Siviglia dove dipinge un San Cristoforo per la cattedrale e, dal 1589 a Lima in Perù, dove morirà nel 1616.

Le sue pitture, ricche di dettagli e molto decorative, presentano la notevole caratteristica di riprodurre con accuratezza i costumi, le armature, l'architettura militare e le formazioni di battaglia diventando un ottimo contributo per lo studio di queste materie.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 76200650