Matteo Carrara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matteo Carrara
Matteo Carrara TR 2011.jpg
Matteo Carrara al Tour de Romandie 2011
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188[1] cm
Peso 67[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2012
Carriera
Squadre di club
2001-2002 Colpack Colpack
2003 De Nardi De Nardi
2004 Lampre Lampre
2005 Barloworld Barloworld
2006 Lampre Lampre
2007 Unibet.com Unibet.com
2008 Quickstep Quickstep
2009-2012 Vacansoleil Vacansoleil
Nazionale
2000 Italia Italia Under-23
 

Matteo Carrara (Alzano Lombardo, 25 marzo 1979) è un ex ciclista su strada italiano, professionista dal 2001 al 2012.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizia a praticare ciclismo agonistico nel 1987. La prima squadra per la quale corre è la Valoti Arredamenti di Nembro, successivamente passa da juniores nel Team Colpack e da dilettante alla UC Bergamasca. Durante l'ultimo anno da dilettante viene convocato per disputare la prova in linea Under-23 al mondiale di Plouay; insieme a lui per l'Italia prendono parte alla corsa Lorenzo Bernucci, Federico Berta, Graziano Gasparre, Stefano Guerrini e Franco Pellizotti.[2] Carrara chiuderà la gara, vinta da Evgenij Petrov, al 78º posto.[3]

Il suo esordio nel mondo professionistico avviene nel 2001 con la squadra Colpack-Astro, che nel 2003 si fonde con la De Nardi a formare la De Nardi-Colpack. Sempre nel 2003 consegue quattro vittorie da professionista, prima di approdare l'anno dopo alla Lampre-Daikin e nel 2005 al Team Barloworld. Nel 2006 torna alla Lampre, squadra UCI ProTour, e può così prendere parte a corse di grande livello: si classifica decimo alla Milano-Sanremo e sesto al Giro di Lombardia, partecipando inoltre alla Vuelta a España. Nella stagione successiva gareggia invece con la Unibet.com, formazione belga-svedese, ottenendo buoni risultati, tra i quali il quarto posto nella classifica finale del Giro di Svizzera (con lo stesso tempo del terzo classificato Stijn Devolder) e il terzo nel Brixia Tour.

Nel 2008 veste la maglia della Quick Step, squadra ProTour belga. Nel mese di giugno ottiene il decimo posto nella classifica generale del Giro del Delfinato, corsa a tappe francese, e il mese seguente partecipa per la prima volta in carriera al Tour de France; concluderà in 36ª posizione, dopo aver affrontato le prime due settimane di corsa tra i primi 20 della generale e aver ceduto terreno sulle tappe alpine.

Nel 2009 si trasferisce al team olandese Vacansoleil. L'avvio di stagione lo vede terminare al 25º posto la Tirreno-Adriatico e al 14º il Critérium International, corsa a tappe francese. Tra il 31 marzo ed il 5 aprile prende parte alla Settimana Ciclistica Lombarda: qui si mette in luce in salita e conclude al quinto posto in generale a 55 secondi dal vincitore Daniele Pietropolli. A maggio vince la classifica generale del Circuit de Lorraine, corsa a tappe in Lorena, tornando così al successo dopo sei anni.

Nel 2010 si aggiudica una tappa e la classifica generale del Giro del Lussemburgo, imponendosi su Fränk Schleck e Lance Armstrong;[4] l'anno dopo conclude invece undicesimo alla Parigi-Nizza e diciassettesimo (prima partecipazione per lui) al Giro d'Italia.

Si ritira al termine della stagione 2012[5].


Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • 2000 (Dilettanti Under-23)
Classifica generale Mainfranken-Tour
Giro del Medio Brenta
LuK-Cup Under-23
  • 2003 (De Nardi, quattro vittorie)
5ª tappa Giro d'Austria (Lienz > Sankt Kanzian am Klopeiner See)
Criterium d'Abruzzo
2ª tappa Tour of Qinghai Lake (Xining > Xihaizhen)
5ª tappa Tour of Qinghai Lake (Lago Qinghai > Xining)
  • 2009 (Vacansoleil, una vittoria)
Classifica generale Circuit de Lorraine
  • 2010 (Vacansoleil, una vittoria)
4ª tappa Giro del Lussemburgo (Mersch > Luxembourg)
Classifica generale Giro del Lussemburgo

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Trofeo Don Luigi Tengattini
Criterium d'Abruzzo
Cronosquadre Tour de Langkawi

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2011: 17º
2012: 96º
2006: ritirato (20ª tappa)
2009: 37º
2011: 146º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Plouay 2000 - In linea Under-23: 78º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Matteo Carrara | Vacansoleil Pro Cycling Team, www.vacansoleildcm.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  2. ^ (EN) World Championships news for October 8, 2000 Italy in www.cyclingnews.it, 08 ottobre 2000. URL consultato il 22 agosto 2009.
  3. ^ (EN) Bear bites twice as Petrov captures road race title in www.cyclingnews.it, 13 ottobre 2000. URL consultato il 22 agosto 2009.
  4. ^ Carrara trionfa in Lussemburgo. Armstrong chiude al 3º posto in www.gazzettadellosport.it, 07 giugno 2010. URL consultato il 7 giugno 2010.
  5. ^ http://www.ecodibergamo.it/stories/Sport/751939/ Carrara ai tifosi su Facebook: «Mi ritiro, grazie a tutti voi»

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]