Matteo Berbenni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matteo Berbenni
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 87 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante
Ritirato 2009
Palmarès
Mondiali juniores 1 1 1
Campionati italiani 2 4 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Matteo Berbenni (Valdidentro, 15 gennaio 1979) è un ex sciatore alpino italiano, discesista puro.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La prima stagione agonistica di rilievo per Berbenni è stata quella 1996-1997: quell'anno infatti ha esordito in Coppa Europa, ai Mondiali juniores e in Coppa del Mondo.

In Coppa Europa, alla quale ha partecipato dal dicembre 1996 al febbraio 2005, lo sciatore ha ottenuto due podi (una vittoria) e un'altra ventina di piazzamenti nei primi dieci, ottenuti tutti nelle due discipline veloci.

I Mondiali juniores gli hanno invece portato più soddisfazioni. Nelle tre edizioni alle quali ha partecipato (1997, 1998 e 1999), Berbenni ha vinto tre medaglie, una per ogni metallo. Nel 1997 ha conquistato infatti l'oro nella discesa libera, nel 1998 è arrivato l'argento sempre nella stessa disciplina e nel 1999 il bronzo nel supergigante.

In Coppa del Mondo l'esordio è del 12 marzo 1997 nella discesa di Vail, nella quale ottiene un 24º posto. Nel corso degli anni non si esprime però mai ad altissimi livelli, come dimostra il fatto che il 24º posto dell'esordio, con un altro analogo piazzamento nel 2002, è rimasto il suo risultato migliore. L'ultima gara di Coppa del Mondo è la discesa di Chamonix del 10 gennaio 2004.

Ai Campionati italiani ha collezionato sette medaglie: cinque in discesa libera[1] e due in supergigante[2].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 122º nel 2001

Campionati italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Campione italiano di discea libera nel 1999 e nel 2001

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Albo d'oro" sul sito della FISI (1990-2010). URL consultato il 18 dicembre 2010.
  2. ^ "Albo d'oro" sul sito della FISI (1986-2010). URL consultato il 18 dicembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]