Matrimonio all'italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matrimonio all'italiana
MatrimonioAll'ItalianaScreenshot.png
Titolo originale Matrimonio all'italiana
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1964
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, dramma, sentimentale
Regia Vittorio De Sica
Soggetto Eduardo De Filippo (commedia teatrale Filumena Marturano)
Sceneggiatura Renato Castellani, Tonino Guerra, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi
Produttore Carlo Ponti
Produttore esecutivo Joseph E. Levine
Casa di produzione C.C.Champion (Roma), Les Films Concordia (Parigi)
Distribuzione (Italia) Interfilm
Fotografia Roberto Gerardi
Montaggio Adriana Novelli
Musiche Armando Trovajoli
Tema musicale 'O cielo ce manna 'sti cose cantata da Fred Bongusto
Scenografia Carlo Egidi, Dario Micheli
Costumi Piero Tosi, Vera Marzot
Interpreti e personaggi

Matrimonio all'italiana è un film del 1964 diretto da Vittorio De Sica. Il soggetto è la commedia teatrale Filumena Marturano di Eduardo De Filippo.

Nel 2007 il film è stato restaurato, con il contributo di SKY Cinema.

« E' figli non si pagano!" »
(Filumena Marturano)

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Soriano, impenitente donnaiolo napoletano, è legato all'ex prostituta Filumena Marturano, che ha tolto dalla strada e che convive in casa sua, ormai da lui disprezzata e relegata al ruolo di badante dell'anziana madre. Un giorno Filumena si sente male ed è sul punto di morire, e chiede a Domenico di sposarla in extremis. Convinto di potersi così anche "pulire" la coscienza, Domenico accetta, ma a cose fatte la donna si alza dal letto, rivelando che era stato uno stratagemma da lei architettato per avere stabilità economica e garantire un avvenire ai suoi tre figli, della cui esistenza Domenico è sempre stato tenuto all'oscuro. Filumena rivela anche che uno di loro è figlio dello stesso Domenico, ma non precisa di quale dei tre si tratta. Dopo averla riempita di minacce e dopo aver inutilmente cercato di capire chi dei tre ragazzi è suo figlio, Domenico si ravvede ed accetta i ragazzi come suoi, mentre Filumena può concedersi un liberatorio pianto di gioia. In un continuo alternarsi tra i flashback sulla ventennale storia dei protagonisti ed il presente il film mostra l'intricato rapporto che lega Domenico a Filumena.

« Dummì, lo sai quando si piange? Quando si conosce il bene e non si può avere. E io bene non ne conosco: la soddisfazione di piangere non l'ho mai potuta avere. »
(Filumena rivolta a Don Domenico che l'accusava di non averla mai vista piangere)

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film uscì nelle sale italiane il 18 dicembre 1964. Venne, in seguito, distribuito nelle seguenti nazioni:[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Date di uscita per Matrimonio all'italiana (1964).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema