Matrice di tracciabilità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una matrice di tracciabilità è un documento, solitamente in formato tabellare, che correlaziona ogni coppia di requisiti che hanno una relazione molti a molti con altri requisiti, per rappresentarne tutte le relazioni nella loro completezza. È solitamente utilizzata tra requisiti di alto livello e requisiti di dettaglio del prodotto verso le corrispondenti parti del design di alto livello, design di dettaglio, piano di test e casi di test.

Una matrice di tracciabilità dei requisiti può essere utilizzata per verificare se i requisiti di progetto correnti sono stato raggiunti, e per supportare la creazione di Request For Proposal (RFP), vari requisiti documentali ed attività di pianificazione di progetto.[1]

L'uso comune consiste nell'inserire l'identificatore di ogni documento nella colonna sinistra della matrice. L'identificatore di un altro documento viene quindi inserito nella prima riga. Quando un elemento della colonna di sinistra è in relazione con un altro della prima riga, questo viene indicata nella cella di intersezione. Il numero della relazione per un item è dato dalla sommatoria dei marcatori per riga o per colonna. Un valore di zero indica che non esistono relazioni per quell'item. Valori molto grandi indicato che le relazioni sono troppo complesse e dovrebbero venire semplificate.

Per semplificare la creazione delle matrici di tracciabilità, è consigliabile aggiungere le relazioni in entrambe le direzioni alla documentazione. In questo modo, quando un elemento viene modificato sulla documentazione di basi, è semplice notare cos'altro deve essere modificato negli altri documenti.

Esempio di matrice di tracciabilità[modifica | modifica wikitesto]

Identificativi dei requisiti Req testati REQ1 UC 1.1 REQ1 UC 1.2 REQ1 UC 1.3 REQ1 UC 2.1 REQ1 UC 2.2 REQ1 UC 2.3.1 REQ1 UC 2.3.2 REQ1 UC 2.3.3 REQ1 UC 2.4 REQ1 UC 3.1 REQ1 UC 3.2 REQ1 TECH 1.1 REQ1 TECH 1.2 REQ1 TECH 1.3
Casi di test 321 3 2 3 1 1 1 1 1 1 2 3 1 1 1
Testati implicitamente 77
1.1.1 1 x
1.1.2 2 x x
1.1.3 2 x x
1.1.4 1 x
1.1.5 2 x x
1.1.6 1 x
1.1.7 1 x
1.2.1 2 x x
1.2.2 2 x x
1.2.3 2 x x
1.3.1 1 x
1.3.2 1 x
1.3.3 1 x
1.3.4 1 x
1.3.5 1 x
ecc…
5.6.2 1 x

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlos, Tom (2008-10-21). Requirements Traceability Matrix - RTM. PM Hut, 21 October 2008. Retrieved on 2009-10-17 fromhttp://www.pmhut.com/requirements-traceability-matrix-rtm.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]