Matilde Tortora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Matilde Tortora (Pagani, 1º gennaio 1948) è una critica cinematografica, scrittrice e saggista italiana. È nota per i suoi studi e le ricerche di cinema che ha condotto e pubblicato anche fuori dai confini nazionali.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Insignita nel 2000 del premio della cultura della Presidenza del Consiglio dei ministri, è autrice, tra l’altro, del volume I promessi sposi nel cinema, scritto assieme allo storico del cinema Vittorio Martinelli. Nel 2004 ha rinvenuto e pubblicato Lettere inedite di Matilde Serao a Eleonora Duse e nel 2006 un’azione cinematografica inedita e autografa di Roberto Bracco in sedici pagine, databile alla fine del 1911, tra le primissime di uno scrittore italiano, scritta appositamente per il cinema.

Nel 2008 ha curato "Viaggi nell’animazione. Interventi e testimonianze sul mondo animato. Da Émile Reynaud a Second Life", che raccoglie testimonianze di autori internazionali dell’animazione, John Canemaker, Bruno Bozzetto, Michel Ocelot, è membro della Cinémathèque Française, dell'ASIFA e dirige fin dagli inizi il Premio Intermazionale Simona Gesmundo corti d'animazione.

Letteratura e teatro[modifica | modifica sorgente]

Autrice di diversi libri di poesie tra cui Casa Tettoia, Un avo aggiunto, Monte Pavone, sue poesie sono in antologie di poesia contemporanea, tra cui Poesia Erotica Italiana del '900, a cura di Carlo Villa, Newton Compton, 1980, la rivista "Poesia", Crocetti, Milano, nel numero di maggio 2000, ha pubblicato sue poesie. Autrice di diverse opere letterarie, suoi racconti sono pubblicati in Racconta/due, La Tartaruga 1993, in Racconta il tuo Dio Oscar Mondadori 1993, in I racconti dell'apocalisse, SEI 1996, in Salvaciòn. Racconti gialli religiosi , Piemme, in Cuentos italianos de hoy, Feltrinelli /Editorial Arte y Literatura, 1996. Il suo testo teatrale Fiora/Cvijeta. Dialogo in assenza di Torquato, traduzione di Suzana Glavaš, è stato trasmesso, nel Dramski program Hrvatskog Radija, emisija Radio Scena, la radio nazionale croata, in prima il 18.10.2003 e fino al 2005.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Ha realizzato nel 2011 "Il Sole con l’alchèrmes", film breve sui 150 anni dell’Unità d’Italia e nel 2012 "Alla ricerca della scarpa perduta", un film breve su piedi - monete, scarpe insufficienti / o troppo strette / o mute o colme di fiele. Dall’iconografia dei suoi saggi di cinema sono state realizzate le seguenti Mostre: Il Cinema nelle cartoline di Virgilio Alterocca I film degli anni Dieci restituiti dal corpo di immagini ritrovate. Palazzo del Comune, Sale ex- Monte di Pietà, Spoleto, 2000 Goethe Insitut e Accademia di Belle Arti, Napoli, 2002. 60ª Mostra d’Arte Internazionale del Cinema di Venezia, 2003. Cinema Fondente . International Short Film Festival, Palazzo Patrizi, Siena 2001. Loggia de’ Lanari, Perugia, 2002, Aula Magna, Università della Calabria, 2004, Au Pays Noir. Reperti rari del primo film sulle miniere, 1905. Chiostro di S. Nicolò, Comune di Spoleto, 2002. I Primi Schermi tratti da Cuore. Il corpo di immagini(ritrovate) ricostituito dei nove film tratti dai racconti mensili del libro Cuore negli anni 1915-1916. Per gli eventi attivati dal Teatro della Tosse per Viaggio intorno a Cuore. Galleria Il Vicolo, Genova, 2004.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]