Massofisioterapista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il massofisioterapista[1] è un operatore di interesse sanitario, con funzioni accessorie e strumentali alle professioni sanitarie mediche[2][3][4]; in ausilio al personale medico, sprovvisto di autonomia professionale[5], esso opera nei settori della prevenzione, del recupero, del mantenimento e del miglioramento del benessere psico-fisico «attraverso il massaggio terapeutico, igienico, connettivale, estetico applicato allo sport, con modalità differenti a seconda della patologia e dell’età dei pazienti»[4].

Il massofisioterapista svolge la sua attività, di carattere servente ed ausiliario[6], in regime di dipendenza (pur essendo dichiarata figura posta ad esaurimento dal CCNL) o in regime libero professionale, nei limiti del suo collocamento giuridico-giurisdizionale.

Il massofisioterapista non può porre diagnosi né impostare in autonomia la terapia né effettuare valutazioni funzionali, altrimenti si troverebbe in condizione di abuso della professione medica nonché sanitaria[7]: orbene, egli opera basandosi espressamente sulle indicazioni del medico supervisore [8].

La somministrazione da parte del massofisioterapista di terapie prescritte dal medico avviene su soggetti con disagi della mobilità di origine ortopedica o post-traumatica per il mantenimento delle loro attività funzionali; viceversa, tale operatore non può intervenire sulle alterazioni del sistema nervoso centrale.[3][9]

Fatti salvi i titoli conseguiti nel pregresso ordinamento (nello specifico, entro il 17 marzo 1999), la figura del massofisioterapista non è riconducibile a quella del fisioterapista, in virtù del differente percorso formativo seguito (del canale universitario, il primo, di carattere regionale e professionale, il secondo), del diverso inquadramento giuridico nonché dei diversi perimetri di intervento.[10][11][12][13][14]

Profili giuridici[modifica | modifica sorgente]

  • Il massofisioterapista con diploma triennale conseguito in base alla legge 403/71, diplomatosi entro il 17 marzo 1999 da corsi statali o autorizzati dal Ministero iniziati entro il 31 dicembre 1995, gode dell’equipollenza automatica con il diploma del fisioterapista in base all’articolo 4, comma 1, della legge 42/99.[15]
  • Il massofisioterapista con diploma biennale conseguito in base alla legge 403/71 e diplomatosi entro il 17 marzo 1999 da corsi statali o autorizzati dal Ministero iniziati entro il 31 dicembre 1995, può godere della equivalenza al fisioterapista (non equipollenza)[16], già anche attraverso l'acquisizione di crediti formativi universitari integrativi [17].
  • Il massaggiatore-massofisioterapista formatosi dopo l'anno 1999, da corsi di formazione regionali iniziati dopo il 31 dicembre 1995, è un «operatore di interesse sanitario»[18] non riconducibile alle professioni sanitarie già esistenti[19], figurante nell'elenco degli operatori del comportato sanitario stilato dal ministero della salute.[20] Tale operatore non può godere né dell'equipollenza né dell'equivalenza con i titoli di studio e di abilitazione del personale delle professioni sanitarie (tra i quali il fisioterapista[21]) né accedere a percorsi accademici di riconversione.[22][23][24][25][26][27][28][29][30][31][32][33][34][35][36]
Tale operatore svolge attività di riabilitazione in senso lato,[37][38] dopo aver conseguito un titolo idoneo al termine di un corso autorizzato dalla regione, per l'ammissione al quale occorre il possesso del diploma di scuola media inferiore.[39]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Figura di operatore di interesse sanitario presente esclusivamente in Italia
  2. ^ Elenco professioni, Ministero della Salute.
  3. ^ a b Trattamenti massofisioterapici: esenzione IVA in La Stampa, 18 ottobre 2012. URL consultato il 19 luglio 2013.
  4. ^ a b DM 105 del 07.03.1997
  5. ^ Tar Umbria sentenza n. 557 del 5.12.2013, Ministero della Giustizia.
  6. ^ Tar Umbria sentenza n. 242 del 5.05.2014.
  7. ^ Massofisioterapia, La Professione e il Mansionario.
  8. ^ Quotidiano di Gela, Studio di Massofisioterapia.
  9. ^ Formazione regionale per il rilascio di qualifiche in ambito sanitario, 14 giugno 2014. URL consultato il 14 giugno 2014.
  10. ^ Fisioterapisti e massofisioterapisti L'equipollenza ha limiti e regole in QuotidianoSanità, 4 giugno 2012. URL consultato il 19 luglio 2013.
  11. ^ Sentenza Consiglio di Stato n. 4272 del 27.08.2013 in Giustizia-Amministrativa, 27 agosto 2013. URL consultato il 1 settembre 2013.
  12. ^ Circolare Massofisioterapista http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato3220732.pdf= Circolare Massofisioterapista. URL consultato il 09-06-2013.
  13. ^ Cassazione, confermato il licenziamento:senza un titolo equipollente il massofisioterapista non può esercitare in Il Sole 24 ore, 12 marzo 2014. URL consultato il 09-06-2013.
  14. ^ No al riconoscimento automatico del titolo di massofisioterapista in Doctor 33, 17 marzo 2014. URL consultato il 09-06-2013.
  15. ^ Legge 42/99 Disposizioni in materia di professioni sanitarie. URL consultato il 09-06-2013.
  16. ^ Articolo 4, comma 2, legge 42/99: Ministero della Salute, Nota circolare recante indicazioni operative necessarie a rendere uniforme l’attività istruttoria di competenza delle Regioni e Province autonome nell’ambito del procedimento per il riconoscimento dell’equivalenza ai diplomi universitari dell’area sanitaria dei titoli del pregresso ordinamento, in attuazione dell’articolo 4, comma 2, della legge 26 febbraio 1999, n. 42.
  17. ^ Nota 19 marzo 2014 protocollo n.7300. URL consultato il 20-05-2014.
  18. ^ Ai sensi della Legge 403/71 e della Legge 43/2006
  19. ^ Quelle previste ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, e del decreto del Ministero della sanità del 29 marzo 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 118 del 23 maggio 2001
  20. ^ Elenco Professioni
  21. ^ sentenza Corte Costituzionale n. 8050 del 22.05.2012. URL consultato il 23-09-2012.
  22. ^ http://www.fisiokinesiterapia.biz/download/Sentenzamassoterapistibiennali.pdf
  23. ^ http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Catania/Sezione%201/2008/200800884/Provvedimenti/201001254_01.XML
  24. ^ http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Bari/Sezione%203/2011/201100873/Provvedimenti/201200530_01.XML
  25. ^ http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Pescara/Sezione%201/2007/200700131/Provvedimenti/201100031_01.XML
  26. ^ NOTA DEGLI AVVOCATI DI SIMONE E GIORNETTI IN MERITO AL RICORSO TAR LAZIO - Federazione Italiana Fisioterapisti
  27. ^ sentenza Tar Umbria 15.10.2010. URL consultato il 30-08-2012.
  28. ^ sentenza Tar Campania 21.05.2012. URL consultato il 23-09-2012.
  29. ^ sentenza Consiglio di Stato 17.06.2013. URL consultato il 05-07-2013.
  30. ^ Legge 26 febbraio 1999, n. 42 "Disposizioni in materia di professioni sanitarie". URL consultato il 30 agosto 2012.
  31. ^ Legge 10 agosto 2000, n. 251 "Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica". URL consultato il 30 agosto 2012.
  32. ^ DECRETO 29 marzo 2001 "Definizione delle figure professionali di cui all'art. 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, da includere nelle fattispecie previste dagli articoli 1, 2, 3 e 4, della legge 10 agosto 2000, n. 251 (art. 6, comma 1, legge n. 251/2000)". URL consultato il 30 agosto 2012.
  33. ^ art. 4 quater Legge 3 febbraio 2006 n. 27. URL consultato il 16 giugno 2013.
  34. ^ Quotidianosanita. URL consultato il 10 luglio 2013.
  35. ^ Elenco professioni Ministero della Salute. URL consultato il 16 luglio 2013.
  36. ^ Quotidianosanita. URL consultato il 17 luglio 2013.
  37. ^ sentenza Consiglio di Stato n. 491 del 01.02.2012. URL consultato il 30-03-2013.
  38. ^ di cui le mansioni alle note di chiarimento del Ministero della salute prot. n. 11018 dell’8 marzo 2010, ai sensi della legge 403/71 e del DPR 13 dicembre 2010, n. 248: DPR 13 dicembre 2010, n. 248 Regolamento recante abrogazione espressa delle norme regolamentari vigenti che hanno esaurito la loro funzione o sono prive di effettivo contenuto normativo o sono comunque obsolete, a norma dell'articolo 17, comma 4-ter, della legge 23 agosto 1988, n. 400. (GU n.20 del 26-1-2011 - Suppl. Ordinario n. 18 )Allegato (parte 235) Elenco: 109047 Tipo Atto: DECRETO MINISTERIALE Numero:Data: 07/09/1976 Titolo: ORARI E PROGRAMMI D'INSEGNAMENTO RELATIVI ALLE SEZIONI DI QUALIFICA PER MASSOFISIOTERAPISTI. URL consultato il 30-03-2013., e prot. n. 0018847/p del 7 aprile 2011
  39. ^ Inquadramento e massofisioterapisti (Cons. Stato, n. 491/2012) :: Diritto & Diritti

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]