Massimo Calearo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Massimo Calearo Ciman
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Vicenza
Data nascita 23 novembre 1955
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Professione Imprenditore
Partito PD (2008-2009), Api(2009-2010), MRN (2010)
Legislatura XVI
Gruppo PD fino al 5/11/09, Api fino al 28/09/10, IR fino al 20/01/11
Coalizione PD-IDV, Api, MRN-PdL-Lega Nord
Circoscrizione VII Veneto 1
Incarichi parlamentari
  • Tesoriere del gruppo Pt alla Camera dei Deputati dal 9/1/2012
  • Componente della X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo)
Pagina istituzionale

Massimo Calearo Ciman, meglio noto come Massimo Calearo (Vicenza, 23 novembre 1955), è un imprenditore e politico italiano, coordinatore e cofondatore del Movimento di Responsabilità Nazionale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1955 a Vicenza, laureato in Economia e Commercio, ha tre figli. Fin da giovane ha seguito l’azienda fondata dai genitori nel 1957, sviluppandola e diventando in seguito presidente del Gruppo Calearo che oggi conta circa 300 dipendenti.

Dal maggio 2003 all'aprile 2008 è stato presidente di Confindustria Vicenza, di cui era già stato vicepresidente durante il biennio 2001-2003.
Dal 13 luglio 2004 al 2008 è stato anche presidente di Federmeccanica, la federazione delle imprese metalmeccaniche, di cui era già stato vicepresidente dal 2001.
È stato Consigliere della succursale di Vicenza della Banca d'Italia, presidente del Comitato locale di Unicredit Banca e Consigliere d'amministrazione dell'Athesis di Verona, società editrice de Il Giornale di Vicenza, L'Arena e Brescia Oggi.

Deputato PD, Api, MRN[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2008, Calearo si candida su proposta di Walter Veltroni a capolista per il Partito Democratico nella circoscrizione "Veneto 1" e viene eletto alla Camera dei deputati, diventando componente della X Commissione (attività produttive, commercio e turismo).

Nel novembre del 2009, dopo la vittoria di Pier Luigi Bersani alle primarie, lascia il Partito Democratico[1], dichiarando di non essere mai stato di sinistra[2]. È fra i promotori del movimento politico di Alleanza per l'Italia insieme a Francesco Rutelli, Bruno Tabacci, Linda Lanzillotta, Lorenzo Dellai, Gianni Vernetti.

Il 28 settembre 2010 abbandona l'API di Rutelli durante una riunione del partito a Palazzo Marino.

È coautore, assieme ai deputati Marco Reguzzoni (Lega Nord) e Santo Versace (Pdl) della legge Reguzzoni sul Made In Italy, detta anche legge Reguzzoni-Versace-Calearo[3].

Il 9 dicembre 2010 con l'avvicinarsi della votazione sulla mozione di sfiducia al Governo Berlusconi IV, dà vita al Movimento di Responsabilità Nazionale, di cui è coordinatore, insieme a Bruno Cesario e Domenico Scilipoti.[4]. Il 14 dicembre 2010 vota contro la mozione di sfiducia al governo Berlusconi IV.

Il 5 maggio 2011 viene proposto da Silvio Berlusconi come consigliere personale del presidente del Consiglio per il Commercio estero.[5]

Il 9 gennaio 2012 sostituisce Maurizio Grassano, vicino alla componente Alleanza di Centro come tesoriere di Popolo e Territorio (ex Iniziativa Responsabile) alla Camera.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 marzo 2012 in un'intervista radiofonica a La Zanzara di Radio 24 dichiara che in Parlamento non ci va quasi più ("Rimango a casa a fare l'imprenditore, invece che andare a premere un pulsante. Non serve a niente. Anzi, credo che da questo momento fino alla fine della legislatura non ci andrò più") e che lo stipendio per tale incarico gli serve solo per pagare un mutuo di 12.000 €/mese.[6] Nella stessa intervista si lascia anche andare a esternazioni omofobe dichiarando di essere disgustato da un bacio tra persone dello stesso sesso in quanto "persona normale a cui piacciono le donne". A seguito di queste affermazioni Walter Veltroni attacca pubblicamente Calearo descrivendolo come "una persona orrenda". Dopo le polemiche provocate dalle sue dichiarazione Calearo annuncia le sue dimissioni da parlamentare.[7][8] A distanza di circa un mese annuncia di aver cambiato idea e di non dimettersi dato che «in Parlamento ci sono i condannati, non è giusto che mi dimetta io che non ho fatto niente di male».[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calearo lascia il Pd in L'Unità, 06 novembre 2009. URL consultato il 06-11-2009.
  2. ^ Rosaria Amato, Calearo verso le dimissioni dal Pd "Partito a sinistra, me ne vado" in La Repubblica, 05 novembre 2009. URL consultato il 06-11-2009.
  3. ^ Con la "Reguzzoni-Versace-Calearo" il Made in Italy diventa legge
  4. ^ [1], Articolo de Il Giornale 9/12/2010
  5. ^ [2], "Governo, nove nuovi sottosegretari Berlusconi premia i Responsabili" Il Fatto Quotidiano
  6. ^ Redazione Online, Calearo: «In Parlamento non vado ma con lo stipendio mi pago il mutuo» in Corriere della Sera, 30 marzo 2012. URL consultato il 1 aprile 2012.
  7. ^ Veltroni contro l'ex amico Calearo "È una persona orrenda" in La Repubblica, 31 marzo 2012. URL consultato il 1 aprile 2012.
  8. ^ Redazione Online, Bufera su Calearo su Twitter, la rabbia dei dirigenti Pd in Corriere della Sera, 31 marzo 2012. URL consultato il 1 aprile 2012.
  9. ^ Redazione online, Calearo cambia un'altra volta idea «Non mi dimetto. E perché dovrei?» in Corriere della Sera, 27 aprile 2012. URL consultato il 27 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]