Massiccio della Vanoise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massiccio della Vanoise
Continente Europa
Stati Francia Francia
Catena principale Alpi della Vanoise e del Grand Arc (nelle Alpi Graie)
Cima più elevata Dent Parrachée (3.697 m s.l.m)

Il massiccio della Vanoise[1] è una parte delle Alpi Graie francesi. Il massiccio si trova totalmente nel dipartimento della Savoia.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

In origine il massiccio veniva inteso come la parte di montagne a sud del colle della Vanoise.

In alcune definizioni il massiccio viene inteso in senso molto ampio fino a coincidere con le Alpi della Vanoise e del Grand Arc.

Classificazione della SOIUSA

Secondo la SOIUSA il massiccio della Vanoise è una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

La SOIUSA definisce il massiccio come un supergruppo delle Alpi della Vanoise e del Grand Arc e lo vede suddiviso in due gruppi e cinque sottogruppi[2]:

  • Gruppo del Dôme de Chasseforêt (D.8)
    • Nodo del Mont Pelve (D.8.a)
    • Nodo del Dôme de Chasseforêt (D.8.b)
  • Gruppo Dôme de l'Arpont-Dent Parrachée (D.9)
    • Gruppo del Dôme de l'Arpont (D.9.a)
    • Gruppo della Dent Parrachée (D.9.b)
    • Cresta della Punta de l'Echelle (D.9.c)

Delimitazioni[modifica | modifica sorgente]

Il massiccio resta così delimitato:

Il massiccio è completamente coperto dal parco nazionale della Vanoise.

Vette[modifica | modifica sorgente]

Le vette principali del massiccio sono:

Ghiacciai[modifica | modifica sorgente]

I principali ghiaccai del massiccio sono:

  • Glaciers de la Gurraz
  • Glacier de la Savinaz
  • Glacier de la Grande Motte
  • Glacier de Prémou
  • Glacier des Volnets
  • Glacier de la Grande Casse
  • Glacier de la Leisse
  • Glacier des Fours
  • Glacier de Méan Martin
  • Glacier du Vallonnet
  • Glaciers de la Vanoise (Glacier du Pelve, Glacier de l'Arpont, Glacier de la Mahure)
  • Glacier de Gébroulaz
  • Glacier de Thorens
  • Glacier du Bouchet
  • Glacier de Chavière
  • Glacier de Polset
  • Glacier du Geay

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dove non diversamente specificato la voce segue le definizioni della SOIUSA.
  2. ^ Tra parentesi vengono riportati i codici SOIUSA dei gruppi e sottogruppi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.