Massacro di Carandiru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massacro di Carandiru
Eteparquedajuventude.jpg
Il carcere di Carandiru, luogo del massacro
Stato Brasile Brasile
Luogo Carcere di Carandiru, San Paolo del Brasile
Obiettivo Detenuti
Data 2 ottobre 1992
Tipo Esecuzione con armi da fuoco
Morti 111
Responsabili Polizia militare di stato di San Paolo
Motivazione Rivolta carceraria

Il Massacro di Carandiru è una strage avvenuta nel carcere di Carandiru, a San Paolo del Brasile, il 2 ottobre del 1992. L'episodio è considerato come la più grave violazione dei diritti umani nella storia del Brasile democratico.

La dinamica dei fatti[modifica | modifica sorgente]

Il massacro fu perpetrato dalla Polizia militare (Polícia Militar do Estado de São Paulo), per sedare una rivolta carceraria che aveva portato i detenuti a prendere il controllo della struttura detentiva. La polizia uccise 111 prigionieri; giustificò il gesto come legittima difesa, ma nessuno degli agenti fu ferito, e non vi sono prove che i carcerati abbiano opposto resistenza[1]. I sopravvissuti asseriscono che la polizia aprì il fuoco contro persone inermi, e che addirittura molti furono giustiziati o uccisi mentre cercavano riparo nelle loro celle.

Conseguenze[modifica | modifica sorgente]

Il massacro sollevò un caso internazionale. Il penitenziario era stato già sede di rivolte e di reiterate violazioni dei diritti umani, date anche le miserevoli condizioni in cui versava, ed in cui erano costretti a vivere i suoi detenuti. Il governo brasiliano chiuse il carcere, tra i più grandi dell'America latina, nel 2002. Il colonnello Ubiratan Guimarães, che comandò l'irruzione della Polizia militare, fu inizialmente condannato a 620 anni di carcere, ma poi la sua condanna fu ritirata poiché eseguiva gli ordini dei suoi superiori.

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ilpost.it La sentenza sul massacro di Carandiru

Sitografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile