Massacro dell'autobus 37 ad Haifa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massacro dell'autobus 37 ad Haifa
Stato Israele Israele
Luogo Haifa
Data 5 marzo 2003
Tipo Attacco suicida
Morti 17 (+1 attentatore)
Feriti 53
Responsabili Hamas

Il massacro dell'autobus 37 ad Haifa fu un attacco terroristico perpetrato da un componente dell'organizzazione palestinese Hamas contro l'autobus della linea 37 ad Haifa il 5 marzo 2003.[1]

L'attentato[modifica | modifica sorgente]

L'attentato fu commesso da un attentatore suicida salito a Hebron che fece detonare la carica esplosiva che si era collocato sotto gli abiti su un autobus che trasportava numerosi ragazzi e adolescenti che si recavano a scuola.[2] L'autobus esplose lungo il viale Moriah, nelle vicinanze di Carmeliya, a Haifa. Diciassette persone furono uccise e altre 53 vennero ferite.[3] La polizia rivelò che la bomba, fissata con cinghie al corpo dell'attentatore, era stata imbottita di frammenti metallici per ampliare gli effetti mortali dell'esplosione.[4]

Vittime[modifica | modifica sorgente]

  • Miriam Atar, 27 anni, di Haifa
  • Anatoly Biryakov, 20 anni, di Haifa
  • Smadar Firstatter, 17 anni, di Haifa
  • Daniel Harush, 16 anni, di Safed
  • Motti Hershko, 41 anni, di Haifa
  • Tom Hershko, 16 anni, di Haifa
  • Meital Katav, 20 anni, di Haifa
  • Elizabeth (Liz) Katzman, 17 anni, di Haifa
  • Tal Kehrmann, 17 anni, di Haifa
  • Kmer Abu Khamed, 12 anni, di Daliyat al Karmel
  • St.-Stg. Eliyahu Laham, 22 anni, di Haifa
  • Abigail Litle, 14 anni, di Haifa
  • Yuval Mendelevitch, 13 anni, di Haifa
  • Be'eri Ovad, 21 anni, di Rosh Pina
  • Moran Shushan, 20 anni, di Haifa
  • Mark Takash, 54 anni, di Haifa
  • Asaf Tzur, 16 anni, di Haifa

Conseguenze[modifica | modifica sorgente]

Portavoci di Hamas e del Movimento per il Jihad Islamico in Palestina rivendicarono l'attentato. «Non fermeremo la resistenza», proclamò ʿAbd al-ʿAzīz al-Rantīssī di Hamas. "Non abbiamo intenzione di rinunciare di fronte all'uccisione quotidiana di palestinesi."[3]

Rilascio degli deatori dell'attentato[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gilad Shalit.

Il 18 ottobre 2011 Israele rilasciò tre persone incarcerate per aver pianificato l'attacco: Maedh Waal Taleb Abu Sharakh -condannato a 19 anni-, Majdi Muhammad Ahmed Amr -condannato a 19 anni- e Fadi Muhammad Ibrahim al-Jaaba -condannato a 18 anni-, nel quadro dello scambio col militare israeliano Gilad Shalit, tenuto prigioniero in Libano.[5][6]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Suicide bombing of Egged bus No. 37 in Haifa, Israeli Ministry of Foreign Affairs, January 21, 2004.
  2. ^ Mother tells of last call as families mourn bus bomb children, The Guardian, March 7, 2003.
  3. ^ a b Israel attacks Gaza as bus bomb kills 15, The Guardian, March 6, 2003.
  4. ^ Haifa suicide bombing
  5. ^ Dani Dayan, Prisoner list includes planners o... JPost – Diplomacy & Politics in Jerusalem Post. URL consultato il 19 ottobre 2011.
  6. ^ שרות בתי הסוהר

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]