Maso di Banco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna col Bambino, Berlino, Staatlische Museen

Maso di Banco (Firenze, ... – 1348) è stato un pittore italiano del XIV secolo, uno tra i più coerenti eredi di Giotto. Le notizie biografie su di lui sono estremamente scarne e neppure si conservano opere firmate e datate; la sua personalità è stata ricostruita attribuendogli alcune opere stilisticamente vicine.

Biografia e opere[modifica | modifica sorgente]

Di Maso di Banco si hanno notizie biografiche piuttosto scarse: dovrebbe essere nato a Firenze (o dintorni) a cavallo tra il XIII e il XIV secolo e probabilmente morì nel 1348 a causa della peste nera. La sua presenza nei cicli giotteschi in Santa Croce a Firenze e la sua formazione nella bottega di Giotto sono unanimemente riconosciute.

Con buona certezza gli viene attribuita l'esecuzione degli affreschi della Cappella di San Silvestro in Santa Croce del 1336-1338 circa. La famiglia dei Bardi di Vernio infatti gli commissionò il ciclo intendendo raffigurarvi le Storie di Costantino e di San Silvestro.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cappella Bardi di Vernio.

Partendo dal ciclo della cappella di San Silvestro in Santa Croce, è stata ricostruita la fisionomia di Maso attribuendogli le seguenti opere:

Il Ghiberti e il Vasari gli attribuiscono una valente maestria sia nella pittura che nella scultura: così in forma dubitativa gli vengono attribuiti i rilievi romboidali con i Sacramenti del campanile di Santa Maria del Fiore.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maso di Banco. La cappella di San Silvestro, a cura di C. Acidini Luchinat - E. Neri Lusanna, Milano 1998.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]