Maschera di Agamennone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cosiddetta maschera di Agamennone

La Maschera di Agamennone è una maschera funebre in lamina d'oro rinvenuta nel 1876 a Micene dall'archeologo tedesco Heinrich Schliemann. È attualmente conservata presso il Museo archeologico nazionale di Atene.

Fu scoperta dall'archeologo tedesco sul volto di un corpo trovato nella tomba V. Schliemann credette di aver scoperto i resti del leggendario re acheo Agamennone, da qui il nome. Benché le recenti ricerche archeologiche abbiano stabilito che la maschera si situi fra il 1.550 e il 1.500 a.C., periodo molto anteriore a quello in cui si crede sia vissuto il re, il nome con cui è nota la maschera è rimasto.

Malgrado la maggior parte degli studiosi propenda per la sua autenticità,[1] lo studioso americano William M. Calder III negli anni settanta ha messo in dubbio l'originalità della maschera: sarebbe un falso commissionato dallo stesso Schliemann,[2] tesi ribadita recentemente da David A. Traill.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Behind the Mask of Agamemnon: Epilogue
  2. ^ Is the Mask a Hoax?
  3. ^ Inistent questions, articolo su "Archaeology" [Volume 52 Number 4, July/August 1999]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]