Maschera dell'ossigeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La maschera dell'ossigeno (o per l'ossigeno) è uno speciale metodo di somministrazione di ossigeno attraverso un'immissione diretta al viso.

Maschera di ossigeno

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Composta essenzialmente di plastica trasparente sagomata (materiale scelto anche per via del peso leggero) in modo che possa ben aderire alla parte del viso umano comprendente naso e bocca. Visto che lasciata a sé cade, la si mantiene o con una cinghia con cui si allaccia al capo o con la mano. Nei casi meno gravi anche il paziente può utilizzarla per supporto. A volte comprende un catetere e quindi la regolamentazione della forza di immissione avviene in sede automatica; altre volte viene deciso manualmente grazie ad una sacca di gomma, al contatto molle che si deve premere per regolarne il flusso. L'area potenzialmente coinvolta nel flusso della respirazione è stata calcolata essere di 0.4 metri dalla maschera.[1]

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Facilita la respirazione in quanto possiede due valvole addette alla respirazione e alla inspirazione, grazie ad esse l'ossigeno viene pompato nell'apparato respiratorio mentre l'anidride carbonica viene eliminata regolarmente.

In medicina[modifica | modifica sorgente]

Risulta molto pratica quando occorre velocemente ristabilire un normale apporto ossigeno-anidride carbonica come nel caso di broncopneumopatia cronica ostruttiva[2]

In altri campi[modifica | modifica sorgente]

Il suo uso non è previsto solo in ambito medico: ad esempio, i piloti di aerei la utilizzano regolarmente durante i voli[3], ma la sua composizione è completamente diversa, con silicone, più pesante della plastica normale.

Inoltre negli aerei, in caso di emergenza, vengono utilizzate speciali maschere ad ossigeno per i passeggeri[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ip M, Tang JW, Hui DS, Wong AL, Chan MT, Joynt GM, So AT, Hall SD, Chan PK, Sung JJ., Airflow and droplet spreading around oxygen masks: a simulation model for infection control research. in Am J Infect Control., vol. 35, dicembre 2007, pp. 684-689.
  2. ^ Fremault A, Silva M, Beaucage F, Berckmans D, Decramer M., Inspired fraction of carbon dioxide in oxygen supply to chronic pulmonary disease. in Respir Med., vol. 102, 2008, pp. 1827-1829.
  3. ^ Miller JM., BLB oxygen mask and aviation. in Mayo Clin Proc., vol. 70, ottobre 1995.
  4. ^ Brantigan JW, Investigation of flow rates of oxygen systems used in general aviation in Aviat Space Environ Med, vol. 51, nº 3, marzo 1980, pp. 293–4, PMID 6444812.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina